115 CONDIVISIONI
Olimpiadi Tokyo 2020
3 Agosto 2021
10:12

Sfreccia a tutta velocità, ma non guarda avanti: incidente assurdo tra le rivali dell’Italia

È stato un incidente surreale quello che ha caratterizzato la semifinale tra Danimarca e Gran Bretagna nell’inseguimento a squadre, quella da cui verrà fuori la rivale dell’Italia in ifnale. Con il quartetto danese ampiamente in vantaggio e lanciato a tutta velocità, Madsen – che non guardava dinanzi a sé – ha letteralmente tamponato il britannico Tanfield. Nonostante le sue colpe, Madsen ha poi rincarato la dose prendendosela con l’avversario. La gara è stata sospesa.
A cura di Redazione Sport
115 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Olimpiadi Tokyo 2020

Sarà la Danimarca l'avversaria dell'Italia nella finale dell'inseguimento a squadre nel ciclismo. Ci arriva dopo una semifinale contro la Gran Bretagna prima dominata, poi chiusa in modo decisamente anomalo, contro un incidente surreale per le modalità con cui è avvenuto: un tamponamento in piena regola, causato dal danese Madsen che sfrecciava a massima velocità ma senza guardare avanti. Si è ritrovato ad impattare l'avversario britannico Tanfield, che si era lasciato sfilare rispetto ai compagni impegnati in una rimonta quasi impossibile con oltre due secondi di ritardo da recuperare.

L'impatto è stato violento e ha causato la caduta di entrambi i corridori. Dopo lo scontro, il danese Madsen ha affrontato a muso duro Tanfield, urlandogli tutta la sua rabbia (condensata in un universale "f**k off"). La gara è stata sospesa ma si è conclusa comunque con il passaggio della Danimarca in finale, in programma domani alle 11:06 ora italiana contro l'Italia.

La responsabilità dell'incidente è da ascrivere al danese Madsen. Nell'inseguimento a squadre, chi si trova al comando del proprio team ha il dovere di guardare sempre avanti a sé, sia per la natura stessa dello sport – si chiama inseguimento perché sul piano teorico si punta ad inseguire la squadra avversaria – sia per questioni di sicurezza: viaggiare a velocità che arrivano anche intorno ai 70 km/h senza avere alcuna visione della pista è chiaramente pratica rischiosa e da evitare.

Tra Danimarca e Gran Bretagna c'erano già state storie tese prima della gara a causa di alcuni aspetti dell'equipaggiamento della squadra danese ritenuti non regolamentari dal team britannico, perché avrebbero fornito un vantaggio aerodinamico proibito dal regolamento. La richiesta di squalifica è stata però rigettata e la Danimarca è stata punita con una semplice ammonizione.

115 CONDIVISIONI
466 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni