L'Italia torna a vincere una medaglia nel Campionato del Mondo di Ciclismo, era ora. Purtroppo non è arrivato l'oro, ma l'argento conquistato da Matteo Trentin è comunque pesantissimo e meraviglioso. Nello Yorkshire la battaglia è stata durissima, a causa del maltempo il percorso è stato accorciato e gli imprevisti non sono mancati. L'oro in volata se lo è aggiudicato Pedersen. Quarto posto per Gianni Moscon.

Corsa accorciata per il maltempo, oro a Pedersen

Alla vigilia il commissario tecnico degli azzurri Davide Cassani aveva detto: "Sarà una corsa verso l'ignoto, nessuno sa cosa potrà realmente succedere". Profetico Cassani, perché il maltempo ha sconvolto i piani di tutti e la corsa è stata accorciata, i ciclisti hanno percorso 261 chilometri e non 280. Il Mondiale di ciclismo è uno degli eventi più belli e intensi tra quelli sportivi e la pioggia non ha fatto altro che aumentare l'intensità. Perché anche i favoritissimi della vigilia, Sagan e Alaphilippe, sono andati in difficoltà come pure Valverde, Primoz Roglic, Quintana e Gilbert, caduto nelle prime fasi. Nel finale tre corridori hanno rotto gli indugi e sono andati in fuga e in volata si sono giocati l'oro. Ha vinto il danese Pedersen, più lesto dell'azzurro Trentin e dello svizzero Kung. A un passo dal podio Moscon, quarto.

Chi è Matteo Trentin, il ciclista italiano argento ai Mondiali

Trent'anni compiuti nel mese di agosto, veneto, Trentin è uno dei più forti ciclisti italiani in circolazione. L'azzurro è un uomo da grande classica, ha vinto tappe al Giro, al Tour e alla Vuelta, ma il meglio di sé, come ha dimostrato pure oggi, lo dà nelle gare di un giorno. Vincitore due volte della Parigi-Tours lo scorso anno trionfò agli Europei di Glasgow, quella finora era la sua più grande gara. Sempre nel Regno Unito ha conquistato un'altra medaglia pesantissima, non è d'oro, ma conta tanto perché l'Italia era da troppi anni che non festeggiava ai Mondiali di Ciclismo, nel 2008 Ballan vinse su Cunego. L'incantesimo si è spezzato.