132 CONDIVISIONI
8 Giugno 2022
20:16

Filippo Ganna straripante alla crono del Delfinato, l’attacco al record dell’ora è già iniziato

Filippo Ganna è stato autore di un’altra prova stratosferica che lo consacra ancora una volta Signore del Tempo: 15° successo su 23 crono dal 2020 ad oggi. E ad agosto proverà l’attacco al Record dell’ora.
A cura di Alessio Pediglieri
132 CONDIVISIONI

Filippo Ganna si è preso anche la cronometro individuale del Giro del Delfinato. Lo ha fatto nel modo migliore che conosce, ovvero di prendersi tutto il tempo necessario per trovare l'aerodinamica perfetta, la velocità da crociera da mantenere e un ritmo che per altri è semplicemente impensabile. Forza dei progressi che il ciclismo ha compiuto in questi anni ma anche di una straordinaria capacità di porsi al limite, per un tempo che appare interminabile. Così, mercoledì pomeriggio, nella tappa a cronometro del Giro del delfinato, davanti alla prova perfetta del Campione del mondo in carica in questa specialità, si è dovuto inchinare anche il belga Wout Van Aert.

Il capitano della Jumbo-Visma, che detiene anche la maglia da leader del Giro, ci ha provato in ogni modo ma alla fine, sul traguardo di La Batie d’Urfé, dopo quasi 32 chilometri in solitaria, ha dovuto pagare pegno. Si soli 2 secondi e 30 centesimi, ma tanto è bastato a Filippo Ganna di iscrivere nuovamente il proprio nome in una frazione contro il tempo. la sua specialità indiscussa.

In carriera, il 25enne di Verbania ha dimostrato di non avere rivali andando a vincere quasi tutte le corse a cronometro cui ha partecipato: con quella del delfinato, "Top Ganna" si è preso il 18° successo in carriera a crono, il quarto – su cinque tracciati in cui ha corso – solamente in questo 2022. Un vero e proprio "cannibale" del tempo: unendo le vittorie nel 2020 (sei su sette) e nel 2021 (cinque su 11) le percentuali sono impressionanti: quasi l'80% di successo assicurato. Che sfiora il 100% da quando, nel 2020 si è laureato campione mondiale nella specialità, replicando nel 2021.

Un dominio incontrastato e assoluto che può permettere a Filippo Ganna di puntare anche ad un altro traguardo che al momento resta il fiore all'occhiello di questo 2022: il Record dell'ora. Il 25enne di Ineos-Grenadiers ha già stilato un calendario di avvicinamento ben preciso che prevede il Delfinato, per poi cimentarsi il prossimo 22 giugno al campionato italiano di crono e infine, partecipare dal 1° luglio al Tour de France.

L'appuntamento con l'ora è fissato per fine agosto, tra il 23 e il 24, ed è stato individuato anche il velodromo dove "Top Ganna" proverà l'impresa: la struttura di Grenchen, in Svizzera che tra quelli a livello del mare, viene considerato il più affidabile e veloce. Da battere c'è il record di Victor Campenaerts, il belga che a metà aprile 2019 arrivò a 55,089 km, ma sfruttando i 1.889 metri d'altura a Aguascalientes, in Messico. Ganna non vuole nessun asterisco, se non quello dell'ennesimo trionfo contro il tempo.

132 CONDIVISIONI
Il Bayern è già straripante: il debutto in Bundesliga con l'Eintracht è uno show di gol e spettacolo
Il Bayern è già straripante: il debutto in Bundesliga con l'Eintracht è uno show di gol e spettacolo
La ciclista paralimpica scoppia a piangere: vince il bronzo ma non le danno la medaglia
La ciclista paralimpica scoppia a piangere: vince il bronzo ma non le danno la medaglia
L'Alpe d'Huez incorona Pidcock ma boccia Pogacar: Vingegaard difende alla grande la maglia gialla
L'Alpe d'Huez incorona Pidcock ma boccia Pogacar: Vingegaard difende alla grande la maglia gialla
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni