369 CONDIVISIONI
28 Luglio 2022
19:11

Un’altra frecciata di de Ligt: “Scelsi la Juve per il calcio di Sarri, ma dopo un anno andò via”

Il difensore olandese ha rivelato che determinante per la scelta della Juventus era stato Sarri: “Scelsi la Juve perché volevo giocare un calcio più offensivo e l’allenatore era Sarri”.
A cura di Alessio Morra
369 CONDIVISIONI

L'addio di de Ligt alla Juventus non sembrava estremamente traumatico, anche se il difensore olandese aveva chiesto la cessione. Ma nei giorni successivi non sono mancate delle frecciate a distanza. Ha iniziato proprio il calciatore che nella conferenza di presentazione, poi il tecnico Nagelsmann ha svelato che de Ligt gli ha detto che negli ultimi anni non si è mai allenato in modo così duro in Italia, mentre Bonucci ha risposto per le rime al suo ex compagno di squadra. E il nuovo calciatore del Bayern ha rifilato un'altra stoccata alla Juventus.

L'olandese ha rilasciato un'intervista alla ‘Espn' in cui ha rivelato che il sì alla Juventus lo aveva dato grazie a Maurizio Sarri, che aveva un'idea di calcio tutto sommato simile a quella dell'Ajax: "Scelsi di andare alla Juve con l’idea di giocare un calcio più offensivo perché l’allenatore era Sarri: ha una grande reputazione per ciò che ha fatto con Napoli e Chelsea e pensavo di trovare uno stile più simile all’Ajax. Purtroppo dopo un anno è andato via". 

Con la Juventus de Ligt ha vinto 3 trofei, ha disputato 87 partite e segnato 8 gol in Serie A.
Con la Juventus de Ligt ha vinto 3 trofei, ha disputato 87 partite e segnato 8 gol in Serie A.

de Ligt dice chiaramente che fosse stato pure lui avrebbe tenuto Sarri, sostituito poi da Pirlo. Sia con il ‘Maestro' e che con Allegri l'olandese è stato costretto a giocare in una posizione che non gli si addiceva: "Penso di stare meglio sul centro-destra, mi sento più a mio agio. All’inizio alla Juve è stato difficile giocare a sinistra, poi a metà stagione io e Bonucci ci siamo invertiti. Eravamo una buona coppia, abbiamo vinto lo scudetto. Nel secondo e terzo anno poi sono tornato a giocare spesso a sinistra. Non è che non ci volessi giocare, sia chiaro, ma sapevo di essere più sicuro giocando a destra. È stato comunque importante per il mio sviluppo".

Matthijs de Ligt è diventato un calciatore del Bayern Monaco, che lo ha pagato 67 milioni più bonus.
Matthijs de Ligt è diventato un calciatore del Bayern Monaco, che lo ha pagato 67 milioni più bonus.

Infine in quest'intervista de Ligt ha parlando del differente modo di difendere della Juventus e dell'Ajax, tutto sommato parole prevedibili, considerato che la squadra olandese ha uno stile molto offensivo e gioca in modo molto più alto rispetto alla gran parte delle società italiane: "All’Ajax pressavo molto forte, prendevo rischi. Alla Juve era diverso. Giocavo più all’indietro, un modo di difendere diverso. Il ritmo in generale in Italia è più lento, quindi si può stare più dietro. E visto quanto ha vinto la Juve in Italia, penso sia il modo giusto".

369 CONDIVISIONI
Capello stuzzica De Ligt:
Capello stuzzica De Ligt: "Che differenza c'è tra Bayern e Juve?". E viene fuori la sua verità
de Ligt svela il vero motivo dell'addio alla Juve: picconate sul progetto di Agnelli
de Ligt svela il vero motivo dell'addio alla Juve: picconate sul progetto di Agnelli
La Juventus dovrebbe dominare, e invece è in crisi: Zakaria spiega cosa non va
La Juventus dovrebbe dominare, e invece è in crisi: Zakaria spiega cosa non va
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni