24 Gennaio 2022
13:29

Si fa male ma resta in campo, fa gol nel match che può segnare il campionato: “Dovevo stare in area”

L’Ajax ha vinto il duello in vetta all’Eredivisie con il PSV anche grazie alla rete di Brobbey, che ha continuato a giocare dopo l’infortunio ed è uscito dal campo solo dopo il gol.
A cura di Vito Lamorte

Brian Brobbey la scorsa estate aveva deciso che la sua parentesi all'Ajax era finita. Il giovane attaccante decise di non rinnovare il suo contratto con i lancieri e si accasò gratuitamente al Lipsia. Una vicenda che in Olanda fece molto discutere e pose al centro di molti dibattiti Mino Raiola, agente del calciatore. Nei suoi primi sei mesi in Germania "Brobbeast", come è stato soprannominato per il suo fisico massiccio, non ha lasciato il segno: con la maglia del club tedesco ha giocato 252′, distribuiti in 14 partite nelle quali si è fatto notare solo per tre assist ai suoi compagni.

Un trasferimento che non tutti hanno compreso ma dopo sei mesi Brobbey è tornato a casa: appena ha avuto la possibilità di tornare ad Amsterdam, il calciatore ha cercato a tutti i costi di riuscirci. Il club campione d'Olanda ha annunciato il suo ritorno nei primi giorni della sessione di mercato invernale e alla prima occasione il classe 2002 si è fatto trovare pronto.

Nella sfida di Eredivisie contro l'Utrecht è tornato tra i titolari ed è stato uno dei principali protagonisti della vittoria per 3-0 Antony ha sbloccato il match e Brobbey lo ha chiuso chiuso con una doppietta. Un impatto devastante che lui stesso ha commentato così al Telegraaf: "Ho giocato sei mesi al Lipsia e non sono riuscito gol. Indossare di nuovo la maglia dell'Ajax e segnare è stato fantastico".

Il ritorno ad Amsterdam di Brobbey, però, doveva vivere un'altra pagina importante, sia per lui che per la squadra. In occasione del big match del campionato olandese al Philips Stadion l'attaccante è stato decisivo per aprire le porte alla vittoria della squadra di Erik ten Hag e al sorpasso sul PSV in testa alla classifica. Con un bel colpo di testa ha battuto Drommel e ha indirizzato il match per la sua squadra ma ha fatto tutto questo da infortunato: pochi minuti prima un brutto contrasto con Obispo aveva visto Brobbey restare a terra per molto tempo ma il giovane attaccante ha provato a restare in campo prima di chiedere il cambio.

Proprio in quei momenti ha avuto l'occasione per fare gol e non ci ha pensato due volte. Queste le sue parole dopo l'importante vittoria dell'Ajax in casa del PSV: "Sono stato colpito all'interno del ginocchio. Un dolore atroce. Poi ho visto Daley Blind passare la palla a Tadic e ho capito che dovevo andare in area. Fortunatamente sono riuscito a colpire di testa. La palla è arrivata bene e l'ho colpita. Non arrivo mai in ritardo sui suoi cross (di Tadic, ndr). È già il terzo assist che mi fa, ma avevo molto dolore. Adesso vado a casa e poi farò i controlli". Non ci sono ancora notizie sull'entità dell'infortunio.

Il diciannovenne attaccante dell'Ajax si è accasciato oltre la linea di fondo mentre esultava ed è stato sommerso dai compagni ma non è più rientrato in campo: al suo posto ten Hag ha inserito Danilo. Il PSV è riuscito a pareggiare con Mario Gotze ma Noussair Mazraoui ha permesso ai lancieri di volare in testa da soli.

Brobbey ha avuto un grande impatto nelle prime due partite dopo il suo ritorno ad Amsterdam con tre gol in meno di 100′: la sua ottima media lo pone come serio concorrente per il posto da titolare con Sebastian Haller quando tornerà dalla Coppa d'Africa. Di certo, d'ora in poi, non si potrà più dire che l'Ajax sia carente nel ruolo di punta centrale.

Prende palla e crossa al centro... ma nella sua area! Il centravanti non ci può credere: è gol
Prende palla e crossa al centro... ma nella sua area! Il centravanti non ci può credere: è gol
Lukaku torna a segnare: il bomber fa doppietta, ma il Chelsea viene agganciato al 97'
Lukaku torna a segnare: il bomber fa doppietta, ma il Chelsea viene agganciato al 97'
Agüero racconta il momento del malore in campo, la grande paura del Kun: "Sto per morire"
Agüero racconta il momento del malore in campo, la grande paura del Kun: "Sto per morire"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni