12 Giugno 2022
22:42

Segna, piange e bacia una foto: il Var “rovina” il momento commovente in Nations League

Nella sfida tra Malta e San Marino momento molto commovente nel secondo tempo, con le lacrime collettive per una dedica molto particolare. Il Var però ha vanificato tutto.
A cura di Marco Beltrami

Serata di sfide di Nations League e serata dunque di gol e di emozioni. Queste ultime non sono mancate anche nel gruppo 2 della Lega D, dove si sono affrontate Malta e San Marino. I biancorossi di fronte al proprio pubblico, hanno incrociato i biancocelesti fanalino di coda del raggruppamento. Non è stato un match semplice per la rappresentativa guidata dall’ex ct della Nazionale Under 21 Devis Mangia. I padroni di casa però avevano un motivo in più per conquistare i tre punti: dedicare il risultato ad un componente del gruppo deceduto proprio alla vigilia del match.

Nella giornata di venerdì la Malta del calcio ha pianto la scomparsa di Mark Piscopo. Il team manager della nazionale, si è spento dopo una lunga malattia. Una vita per il pallone quella dell'ex dirigente che in passato aveva lavorato come manager anche per il Floriana. La marcia d'avvicinamento del gruppo biancorosso alla sfida contro San Marino è stata molto difficile perché Piscopo era amato da tutti. "Il-Lullu", questo il soprannome con cui era conosciuto l'uomo, è stato ricordato a più riprese dai giocatori che hanno indossato per celebrare il suo ricordo il lutto al braccio.

Prima del fischio d'inizio i giocatori hanno posizionato una foto del dirigente deceduto in panchina, al suo posto, per simulare la sua presenza. Una piccola cerimonia per dedicare un doveroso tributo a Piscopo si è rivelata un momento molto commovente: tutto il gruppo è sembrato molto provato, con diversi giocatori  in lacrime, e mazzo di fiori apposto vicino all'immagine accompagnato anche dagli applausi.

Il match ha vissuto poi un momento molto toccante nel secondo tempo, sul punteggio di 1-0 a favore della nazionale di Malta. Montebello è riuscito al termine di un'azione molto rocambolesca a spingere il pallone in rete per il raddoppio. Dopo aver segnato il calciatore maltese si è avvicinato alla panchina, e si è tolto la fascia nera del lutto al braccio baciandola a più riprese e portandola verso il cielo. A quel punto tutto il gruppo si è lasciato andare ad un abbraccio, e Montebello ha preso la foto di Piscopo, baciando anche questa. Una situazione commovente, con l'atmosfera però che è stata rovinata dalla decisione del direttore di gara che ha annullato il gol dopo consulto con il Var per la posizione irregolare del marcatore, non sanzionata dal guardalinee in campo. Niente gol dunque ed esultanza comunque vanificata. Vale comunque il pensiero della stessa.

La nuova sfida di Fabregas al Como è per Buffon:
La nuova sfida di Fabregas al Como è per Buffon: "Bello ritrovarlo in campo, gli segnerò ancora"
Il bacio sul polso dell'allenatrice dell'Inghilterra campione d'Europa: c'è un dolore inestinguibile
Il bacio sul polso dell'allenatrice dell'Inghilterra campione d'Europa: c'è un dolore inestinguibile
Trapela il regolamento interno di Gerrard all'Aston Villa: multe anche nel giorno del compleanno
Trapela il regolamento interno di Gerrard all'Aston Villa: multe anche nel giorno del compleanno
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni