L'Atalanta dei sette gol in casa del Torino è l'argomento top di questo weekend di Serie A in attesa della scesa in campo delle big: l'Inter in casa col Cagliari alle 12.30, la Juventus al San Paolo contro il Napoli alle 20.45. Intanto, tutta l'attenzione è per i Gasp-boys che stanno trovando consensi un po' ovunque dopo la straordinaria performance al ‘Grande Torino‘. Tanto da riscrivere alcuni record del massimo campionato, con numeri che non si vedevano da 60 anni a questa parte. Trascinati dall'eterno Ilicic che si riconferma l'arma in più dei nerazzurri, sapientemente calibrata dal tecnico della Dea.

Meglio di Ilicic solo Aguero e Messi

Josip Ilicic è riuscito a replicare il proprio record di ‘triplette' entrando di prepotenza nuovamente nella storia del campionato di Serie A e dell'Atalanta. In poco più di un tempo,  per l'esattezza 54 minuti, Ilicic ha realizzato una tripletta contro il Torino, impreziosita da un gol esemplare da centrocampo. Con queste tre reti rifilate ai granata, Ilicic si porta a 85 marcature in Serie A, staccando Paolo Rossi. Dall'inizio del 2018 lo sloveno è il calciatore che ha realizzato più triplette in Serie A, ben 4. In questo periodo in Europa solo Aguero (6) e Messi (7) hanno fatto meglio.

Un anno dopo ancora record di triplette

Il record di triplette Ilicic lo realizzò già nel 2018, quando rifilò tre gol segnati al Sassuolo a dicembre (2-6 al Mapei Stadium). Lo sloveno, con tre hat-trick realizzati in quel periodo fu il giocatore che aveva messo a segno più triple marcature nei top-cinque campionati europei.  Il numero 72 degli orobici condivise il record con giocatori del calibro di Leo Messi del Barcellona e Sergio Aguero del Manchester City che, oggi, l'hanno superato

Attacco e ‘golazo' da record

Ma l'attacco dell'Atalanta non è solamente Ilicic, i numeri del reparto offensivo della Dea sono decisamente da record in Serie A. 57 reti in 21 giornate non si vedevano addirittura dalla stagione 1959/60 (a realizzarle fu la Juve di Charles, Sivori e Boniperti). Non solo:  il gol da centrocampo del 31enne atalantino è stato il gol più distante (44.8 metri) messo a segno in Serie A dalla rete di Facundo Roncaglia con la maglia della Fiorentina contro il Napoli a gennaio 2013 (56.2m).