È un momento difficile per il Real Madrid sia in campo e sia nelle stanze dei bottoni. Le merengues, che nelle ultime 5 partite tra campionato e Champions hanno collezionato 3 sconfitte, un pareggio e una vittoria, devono fare i conti anche con una situazione economica complicata legata all'emergenza Covid. Il club di Florentino Perez in una nota ufficiale relativa ai risultati finanziari, ha mostrato le gravi conseguenze della pandemia anche sui propri conti. Il Real è riuscito a chiudere l'esercizio 2019/2020 praticamente alla pari, al netto di misure di contenimento adottate per limitare l'impatto della crisi, ma prevede un calo degli introiti di 300 milioni di euro rispetto alle previsioni per il 2020/2021.

Il Real Madrid attraverso una nota pubblicata sul proprio sito ufficiale, ha fatto il punto della situazione sui risultati economico-finanziari della scorsa stagione. Sui dati hanno inciso gli effetti della pandemia, con una riduzione del reddito del 13% ovvero meno 106 milioni di euro. Conti alla mano, il club mantiene una situazione patrimoniale di 533 milioni di euro, con una liquidità di 125 milioni. Per ottenere questi risultati sono state adottate delle misure di contenimento dei costi, tra cui rientrano anche le riduzioni degli ingaggi del 10% di giocatori, addetti ai lavori e dirigenti, sia della squadra di calcio che di quella di basket.

Se l'esercizio di bilancio per il 2019/2020 è stato chiuso in sostanziale pareggio, con un utile di "appena" 300 mila euro, i dati potrebbero essere molti diversi nel 2020/2021. Il Real infatti ha previsto un reddito complessivo di 617 milioni di euro, con una riduzione di 300 milioni di euro legata alla crisi per l'emergenza Coronavirus, rispetto ad una situazione di normalità come quella per esempio del 2018/2019. Certo, le merengues non sono l'unica società in questa situazione, ma il detto "mal comune, mezzo gaudio" non fa calare la preoccupazione tra i dirigenti.

Tra l'altro, la squadra non sta ottenendo i risultati sperati e rischia addirittura di uscire già nella fase a gironi dalla Champions, in virtù di un andamento altalenante culminato nella sconfitta contro lo Shakhtar. Un flop che fa seguito a quelli ottenuti in campionato, per una squadra che nelle ultime tre giornate ha inanellato due sconfitte e un pareggio allontanandosi dalla vetta. La situazione insomma è complicata, con Zinedine Zidane al centro di voci relative ad un possibile esonero.