Brutte notizie per Rafael Leao. L'attaccante del Milan dovrà risarcire lo Sporting Lisbona, società portoghese da cui si era svincolato unilateralmente un anno e mezzo fa. Leao prese questa decisione dopo l'aggressione che tutta la squadra subì da parte di tifosi scatenati che fecero una violenta irruzione nel centro sportivo. Il portoghese dovrà versare 16,5 milioni di euro nelle casse dello Sporting.

Leao condannato, deve pagare 16,5 milioni allo Sporting

La notizia l'ha data il quotidiano sportivo portoghese ‘Record' che ha svelato il responso del Tribunale di arbitrato sportivo di Losanna, che ha ribaltato la prima sentenza. Leao dopo essersi svincolato unilateralmente era passato al Lille, una sola stagione prima di firmare per il Milan (che aveva speso per lui 35 milioni di euro). Lo Sporting si era rivolto alla FIFA e aveva contestato la risoluzione contrattuale di Leao. L'organo che governa il calcio aveva respinto la tesa dei portoghesi che sosteneva che: "Leao all'epoca dei fatti non aveva validi motivi per risolvere il contratto". Inammissibile per la FIFA il ricorso dello Sporting, ma non per il TAS che ha ribaltato il verdetto. Leao è costretto a pagare, dovrà sborsare 16,5 milioni di euro.

Leao via dallo Sporting, poi Lille e Milan

Leao quando aveva nove anni è entrato a far parte delle giovanili dello Sporting Lisbona. Dal 2008 al 2018 è stato un calciatore del club portoghese, con cui ha vissuto la sua prima esperienza da professionista (5 partite e 2 gol). Dopo essersi svincolato Leao è passato al Lille, una grande annata, al fianco anche di quel Pepé, che è passato all'Arsenal in estate per 90 milioni di euro. Il Milan il primo agosto lo ha acquistato per 23 milioni di euro. Con i rossoneri: 21 partite e 2 gol in Serie A: contro la Fiorentina e il Cagliari.