I problemi con il VAR non sono solo esclusivi per la Serie A. In Inghilterra non stanno apprezzando per niente la tecnologia video applicata al calcio e per questo motivo la Premier League sta già lavorando per fare delle modifiche al sistema. La massima divisione del calcio inglese sta studiando come far ascoltare il processo decisionale del VAR agli spettatori che si trovano nello stadio: si tratterebbe davvero di una svolta epocale perché le conversazioni tra l'arbitro principale e quelle nella sala VOR potrebbero essere ascoltate dai supporter presenti nell'impianto in modo che capiscano il motivo per cui le decisioni vengono prese. A rivelare questa notizia è Sky Sports e a tre anni dall'entrata nei calcio mondiale potrebbe esserci una svolta davvero epocale nell'arbitraggio e nel metodo di fruizione.

VAR, si studia dalla Rugby Union

Una ipotesi che la Premier League avrebbe preso in considerazione basandosi su un sistema simile che viene utilizzato nelle partite internazionali del Rugby Union, che mira a coinvolgere tutti nel modo in cui vengono prese le decisioni per ridurre i reclami e la frustrazione, sia da parte dei tifosi che dei giocatori.

Questa idea di mettere a conoscenza gli spettatori delle conversazioni tra l'arbitro principale e gli uomini nella sala VOR potrebbe anche rivelarsi un'arma a doppio taglio: se è vero che così le persone presenti vengono messe al corrente di ciò che succede attraverso l'altoparlante per comprendere i processi decisionali in atto questo potrebbe implicare che gli spettatori possano anche non essere d'accordo con le decisioni finali prese e quindi portare a delle dimostrazioni di dissenso in presa diretta. Se questa soluzione dovesse essere adottata aprirebbe la strada a una svolta davvero incredibile nel calcio mondiale.