3 Dicembre 2021
10:53

“Non rivedrai tuo figlio”: minacce di morte al portiere, picchiati due giocatori

Una situazione gravissima in cui è sprofondato il Seregno, in Serie C dopo la denuncia dei calciatori e dell’ex presidente: “Anche un pugile al campo per intimidire”
A cura di Alessio Pediglieri
I giocatori del Seregno festeggiano la promozione in Serie C conquistata alla fine della scorsa stagione (foto Alessio Morgese)
I giocatori del Seregno festeggiano la promozione in Serie C conquistata alla fine della scorsa stagione (foto Alessio Morgese)

Una storia torbida, al limite del surreale ma tremendamente vera. Sta accadendo al Seregno Calcio, società che milita nel Girone A di Serie C, categoria in cui è risalito dopo 39 anni d'attesa alla fine della scorsa stagione, e che ha acceso i riflettori della magistratura con una indagine per delinearne il quadro generale e raccogliere tutte le informazioni utili per procedere con eventuali pene. Le accuse sono pesantissime, con le denunce esposte da parte del portiere della squadra e da un altro paio di calciatori. Il tutto avvallato dalle dichiarazioni dell'ex presidente della società che ha confermato il clima intimidatorio in cui è caduto il club.

Un ambiente invivibile in cui ci si deve guardare le spalle più che pensare ad allenarsi e scendere in campo per giocare. Il Seregno Calcio, piccolo club alle porte di Milano, sta vivendo giorni di inferno e il tutto è stato portato davanti agli occhi dei carabinieri che hanno raccolto diverse denunce: minacce di morte, aggressioni, intimidazioni vere e proprie. Con l'ex patron della società, Davide Erba, che ha lasciato la guida una settimana fa di fronte a ciò che lui stesso definisce "un ambiente da cui stare lontani e di cui io sono da tempo stufo".

Il quadro che ne sta emergendo è sconsolante e preoccupante: "Ci sono state minacce di morte al portiere, al vicepresidente, due giocatori sono stati picchiati da altri due ragazzi", due compagni della stessa squadra, in una vera e propria ‘faida' interna. A parlare è Davide Erba che elenca il triste resoconto delle ultime settimane. Addirittura è stato mandato un pugile, un ex kickboxer che gestisce una società di security, il tutto con un intento specifico: "É apparso al campo a minacciare e intimidire, ci sono le querele e io procederò a breve" conclude l'ex patron. Ma c'è di più e ciò che dichiara raggela il sangue nelle vene: "Davanti a testimoni, al portiere è stato anche detto che non avrebbe rivisto il figlio piccolo".

Una situazione insostenibile che ha portato Erba alla cessione del club: "É iniziato tutto da lì, non appena ho annunciato l'intenzione di vendere. La magistratura adesso indagherà e verificherà" soprattutto su ciò che Erba afferma, indicando nella figura di Ninni Corda il mandante presunto di tutto ciò che sta avvenendo dopo che lo ha allontanato dall'incarico di direttore generale: "Ho provveduto a licenziarlo" dopo che aveva intuito il clima che si stava creando, invivibile. Lo stesso Corda però, non è rimasto in silenzio e ha annunciato denunce: "Non ho mai minacciato nessuno di morte in 25 anni di onorata carriera. Erba si dovrebbe preoccupare della grave situazione prospettata a me tramite sms, whatsapp ed email nelle scorse settimane". Adesso la parola passa alla giustizia.

Rissa in allenamento al Manchester United! Due giocatori vengono alle mani, gli altri scioccati
Rissa in allenamento al Manchester United! Due giocatori vengono alle mani, gli altri scioccati
Bufera nel calcio italiano, finale di partita ridicolo: il portiere resta immobile e prende due gol
Bufera nel calcio italiano, finale di partita ridicolo: il portiere resta immobile e prende due gol
Stefano Tacconi sta meglio, il figlio Andrea: "Febbre superata, uscirà dalla terapia intensiva"
Stefano Tacconi sta meglio, il figlio Andrea: "Febbre superata, uscirà dalla terapia intensiva"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni