La Juventus attraverso una nota ha ufficializzato un colpo di mercato in uscita. Simone Muratore è stato ceduto all'Atalanta dopo una carriera vissuta finora tutta in bianconero. Il giovane centrocampista classe 1998 in forza all'Under 23 ma aggregato spesso e volentieri ultimamente alla prima squadra di Sarri, si trasferirà alla corte di Gasperini nell'ambito di un'operazione da 7 milioni di euro. La società bianconera piazza così una preziosa plusvalenza che torna utile in chiave bilancio in vista della deadline in programma domani 30 giugno

Simone Muratore all'Atalanta, la Juventus ufficializza la cessione

L'accordo tra Juventus e Atalanta per Simone Muratore era stato già raggiunto giorni fa, adesso però è anche ufficiale. Il club bianconero attraverso una nota ha formalizzato la cessione del giovane centrocampista, facendo il punto anche sulle cifre dell'operazione: "Juventus Football Club S.p.A. comunica di aver raggiunto l’accordo con la società Atalanta B.C. S.p.A. per la cessione a titolo definitivo del diritto alle prestazioni sportive del calciatore Simone Muratore a fronte di un corrispettivo di € 7 milioni, pagabili in quattro esercizi".

Plusvalenza da quasi 7 milioni per la Juventus. Un'operazione importante in chiave bilancio per la Juventus. Infatti la società di corso Galileo Ferraris, in virtù di questa cessione piazza una plusvalenza di quasi 7 milioni di euro. Nella nota infatti si legge: "Tale operazione genera un effetto economico positivo di circa € 6,8 milioni, al netto degli oneri accessori"

Per Simone Muratore si tratta della prima esperienza extra-Juventus della sua giovane carriera. Il centrocampista, piemontese doc, è cresciuto nelle Giovanili della Juventus diventando poi un perno della Primavera. Capitano dell'Under 23, Muratore in questa stagione si è tolto la soddisfazione di esordire in Champions e in Serie A. Aggregato spesso e volentieri con la prima squadra, da Maurizio Sarri ha collezionato spezzoni di partita contro il Bayer Leverkusen e nel match di pochi giorni fa con il Lecce. Ora per lui una nuova intrigante esperienza alla corte di Gian Piero Gasperini che spera di ritrovarsi a fare i conti con l'ennesima scommessa vinta all'Atalanta.