6.900 CONDIVISIONI
12 Agosto 2022
12:04

Morto Claudio Garella, il portiere che parava “senza mani”: vinse lo Scudetto con Verona e Napoli

Claudio Garella si è spento a 67 anni per problemi al cuore dopo un intervento chirurgico. “Garelik” lascia un segno indelebile nel mondo del calcio: portiere del primo scudetto del Napoli (1986/87), vinse il titolo anche con il Verona.
A cura di Marco Beltrami
6.900 CONDIVISIONI

Lutto nel mondo del calcio italiano per la morte di Claudio Garella. Il portiere si è spento a 67 anni per problemi al cuore dopo un intervento chirurgico a cui era stato sottoposto. Lascia un segno indelebile soprattutto per il suo stile inconfondibile. È stato l'estremo difensore del primo storico Scudetto del Napoli, vincendo il titolo anche con il Verona.

Non aveva paura di nulla "Garellik" (questo il suo soprannome, per i suoi interventi quasi da supereroe dei fumetti) in campo. Pur di negare il gol agli avversari, il classe 1955 era disposto a tutto. Ogni parte del corpo poteva essere utile alla causa, con buona pace dello stile messo spesso da parte. Non è un caso che lui in primis si definisse un "portiere anomalo". Proprio per questo modo di giocare e per la sua abilità nelle uscite basse, Garella si è dimostrato unico, nel corso della sua lunga avventura calcistica. Il tutto venne sintetizzato nel migliore dei modi da una celebre affermazione dell'avvocato Agnelli: "Garella è il più forte portiere del mondo. Senza mani, però".

Garella ai tempi del Napoli
Garella ai tempi del Napoli

Capace di alternare interventi eccezionali a qualche "garellata", Claudio si è tolto non poche soddisfazioni sul terreno di gioco nella sua quasi ventennale esperienza professionistica. Il portiere nato a Torino e cresciuto nelle Giovanili granata, dopo l’esordio nella sua città iniziò il suo lungo peregrinare. Juniorcasale, Novara, Lazio, Sampdoria e poi Verona, Napoli, Udinese e Avellino. Quando si pensa a Garella non si può fare a meno di ricordare il suo contributo alla vittoria dello Scudetto da parte del “mitico” Verona di Osvaldo Bagnoli. Un vero e proprio talismano, anche per il Napoli, che aiutò nella conquista del primo titolo di campione d’Italia oltre alla Coppa Italia 1986/1987 chiudendo lo specchio della porta agli avversari.

Garellik una volta appesi i guantoni e gli scarpini, ha comunque continuato la sua esperienza nel mondo del pallone dedicandosi alla panchina. Barracuda, Pergogrema, Cit Turin, sono le squadre in cui ha lavorato prima come allenatore dei portieri e poi anche come collaboratore tecnico. Un feeling quello con il pallone, che lo ha accompagnato per tutta la vita. Il suo nome resterà per sempre associato ad una tecnica davvero inconfondibile, unica e forse d'altri tempi oltre che per i successi storici in gialloblu e azzurro.

6.900 CONDIVISIONI
Il rigore non dato più scandaloso di sempre: afferra il pallone con le mani in area senza motivo
Il rigore non dato più scandaloso di sempre: afferra il pallone con le mani in area senza motivo
Edu Navarro è morto dopo una lunga malattia: l'ex portiere spagnolo aveva 43 anni
Edu Navarro è morto dopo una lunga malattia: l'ex portiere spagnolo aveva 43 anni
Ferrara umilia Cassano:
Ferrara umilia Cassano: "Mentre vincevamo lo Scudetto a Napoli prendevi ancora il biberon, taci"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni