"StrongerTogheter" ovvero "Più forti insieme". Con questo hashtag il Milan ha presentato sui social il suo nuovo progetto per contrastare il fenomeno del razzismo negli stadi, purtroppo ancora attuale. Il club rossonero alla vigilia della sfida contro l'Inter, valida per la 4a giornata di Serie A, ha istituito una task-force interna contro ogni forma di discriminazione. Un gruppo operativo che darà vita ad una serie di attività per sensibilizzare l'opinione pubblica, già a partire dal derby di Milano

Milan, task-force contro il razzismo

Il Milan ha deciso di combattere concretamente quella che purtroppo è una vera e propria piaga degli stadi italiani, istituendo una task-force contro il razzismo. Stando a quanto si legge nella nota ufficiale del club alla vigilia del derby: "Il Milan, che celebra quest'anno il suo 120° anniversario, annuncia oggi l'istituzione di una task force interna, supportata da una società di consulenza, per combattere gli atti di razzismo nel calcio italiano. Questo gruppo operativo svilupperà un programma articolato di attività per sensibilizzare l'opinione pubblica, monitorare e affrontare episodi o comportamenti razzisti sui social media e allo stadio. L'obiettivo è quello di agevolare e adottare iniziative ispirate dai più alti standard a favore dell'inclusione e della diversità"

Cos'è la task force contro il razzismo del Milan e cosa succederà prima del derby con l'Inter

L'iniziativa già lanciata sui social con tanto di foto e hashtag #StrongerTogheter, vivtà un momento importante prima del fischio d'inizio di Milan-Inter. I giocatori delle due squadre impegnate nell'attesissimo derby di Milano entreranno in campo con uno striscione per esprimere solidarietà alle vittime di episodi discriminatori, come Lukaku a Cagliari e Kessie a Verona. La società rossonera ha spiegato: "Lo slogan della partita sarà "Derby against Racism" e per celebrare l'iniziativa, i giocatori di entrambe le squadre si posizioneranno al centro del campo di gioco, prima del calcio d'inizio, per posare con uno striscione".

Milan, Gazidis e Scaroni sulla task-force contro il razzismo

Il Ceodel Milan Gazidis ha spiegato: "Il calcio italiano deve prendere coscienza e assumere una posizione forte contro i comportamenti razzisti. Il Milan avrà un ruolo di leadership su questo tema, promuovendo dei valori umani fondamentali che riguardano tutti noi. Il calcio agisce da potente esempio sulla forza dell'unità e del lavoro di squadra. Diversità, inclusione e tolleranza aumentano la forza della squadra, del club e della società nel suo insieme. Abbiamo pertanto l'obbligo morale di dover fare tutto il possibile per affrontare questo problema". Paolo Scaroni, Presidente del Milan, ha aggiunto: "Sono orgoglioso che il Milan stia prendendo provvedimenti per affrontare una delle questioni più importanti del nostro sport e della nostra società. Siamo un Club con una grande risonanza mediatica, sono certo che possiamo giocare un ruolo importante nella lotta contro il razzismo".