Quantificare il patrimonio di Maradona e stabilire l'asse ereditario in base alla linea dei discendenti. Non sarà facile tracciare la griglia della successione per la suddivisione dei beni dell'ex Pibe de Oro morto il 25 novembre a causa di un'insufficienza cardiaca acuta. Passato il momento del dolore e del cordoglio, saranno burocrazia legale ed eventuali carte testamentarie a occupare lo spazio che adesso è tutto dedicato alla commozione e ai buoni sentimenti.

Qual è il patrimonio di Maradona

Qual è l'entità del ‘paniere finanziario'? Chi e in quale proporzione avrà diritto a beneficiarne? Immobili, auto, effetti personali, contratti, investimenti e quant'altro abbia contribuito a capitalizzare introiti: tutto dovrà essere documentato e rendicontato prima di procedere alla ripartizione, sempre che non vi siano altri intoppi. In Argentina sono convinti che sia più dei (soli) 100 mila dollari conteggiati ufficialmente finora e degli ammanchi di denaro per debiti e favori fatti ad amici. Proviamo a mettere assieme le voci conosciute relative ai suoi beni.

  • In Argentina ‘D10s' risultava proprietario della residenza di Segurola e Habana, oltre a un ulteriore immobile nello stesso quartiere (Villa Devoto). Diego possedeva anche una struttura più moderna a Puerto Madero. Sua anche la casa di Rocío Oliva e della sua famiglia a Bella Vista: la acquistò e poi la trasferì all'ex compagna, a cui le figlie dell'ex Pibe hanno impedito di avvicinarsi alla salma. Nelle zone di Campo de Roca, El Tigre e Nordelta figurano altre proprietà.
  • Dagli immobili alle auto, Maradona ne possedeva 6, di cui 4 in Argentina e 2 a Dubai, queste ultime molto costose. Si tratta di una Rolls Royce Ghost (300.000 euro) e una BMW i8 (145.000).
  • Investimenti e contratti. A vendere e monetizzare la popolarità dell'ex Pibe ci ha pensato l'avvocato Matías Morla che riuscì ad aprirgli i canali giusti per chiudere accordi importanti dal punto di vista economico. Tra quelli più noti ci sono i contratti con la Casa produttrice di video-giochi Konami (per PES), con un brand di abbigliamento sportivo e altri ancora con la Cina (dove ci sono scuole calcio che recano il suo nome) e Cuba (tra cui un Hotel). Investimenti e interessi, sebbene i problemi avuti con il Fisco, erano estesi anche in Italia.
  • Il suo elenco di beni si estende anche in Bielorussia, in seguito alla sua breve esperienza di presidente onorario della Dynamo Brest che gli fruttò un anello di diamanti del valore di 300.000 euro e un mezzo anfibio 4X4 che può navigare a 8 chilometri all'ora: si tratta di Overcomer Hunta con un telaio in fibra di vetro e un serbatoio del carburante da 100 litri.

Chi sono gli eredi dell'ex Pibe

Il rischio che il processo possa richiedere tempo è legato anzitutto a un aspetto: nel caso in cui l'ex Pibe abbia trasmesso tutti o parte dei suoi beni attraverso donazioni fatte in vita, si aprirebbe un contenzioso in tribunale dagli esiti e dalla tempistica incerti. Un esempio al riguardo è costituito dal video che el Diez pubblicò su Instagram nel 2019 e nel quale diceva di voler diseredare le figlie Dalma e Giannina per regalare tutto in beneficenza. Il motivo della rabbia? Ingerenze eccessive nella sua vita, al punto da sollevare perplessità sulle sue condizioni di salute. La matassa è ingarbugliata, punto di partenza per fare chiarezza è quanto stabilito dalla legge, al netto delle mogli, delle compagne e dei figli nati dalle differenti relazioni.

  • Allo stato dei fatti, la linea di discendenti dell'ex campione argentino è costituita da cinque figli riconosciuti, alcuni anche dopo sentenze delle magistratura, ai quali corrisponde una quota di due terzi del patrimonio. Nel novero figurano anche tre nipoti. Ma anche in questo caso la situazione si presenta abbastanza complessa per via di altri soggetti che potrebbero essere inseriti nell'asse ereditario: si tratta dei figli nati da relazioni che Maradona avrebbe avuto a Cuba durante il soggiorno nell'isola caraibica.
  • Diego Armando Maradona Sinagra (Diego Junior) è Il primogenito dei figli di Maradona nato nel settembre 1986.
  • Dalma Nerea Maradona Villafañe nata a Buenos Aires nel 1986.
  • Gianinna Dinorah Maradona Villafañe nata nel 1989 a Buenos Aires (sorella minore di Dalma).
  • Jana Maradona nata nel 1995 dalla relazione tra Maradona e Valeria Sabalain.
  • Diego Fernando Maradona Ojeda (Dieguito) Nato nel 2013 a Buenos Aires, è figlio di Verónica Ojeda.
  • Nel 2001 nacque Santiago Lara. Il figlio illegittimo (e finora mai riconosciuto) nato da una relazione con la modella Natalia Garat.

La discendenza (o presunta tale) di Maradona arriva a Cuba. È anche lì, nell'isola che è stata il suo ‘buen retiro', che  – secondo quanto raccolto dai media argentini – l'ex calciatore avrebbe riconosciuto alcuni bimbi come propri figli.

  • Le gemelle Joana e Lu, nate dalla relazione con Adonay Fruto nel periodo compreso tra il 2000 e il 2005, quando l'ex Pibe era in cura e seguiva terapie di riabilitazione.
  • Secondo l'avvocato Morla ci sarebbero anche altri due ragazzi: Javielito, che potrebbe subentrare nell'asse ereditario, e un altro giovane cubano la cui identità però non è stata mai resa nota.