27 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

L’arbitro decide il vincitore della finale con la monetina, ma sbaglia: scoppia il caos

La finale del campionato Under 19 femminile sudasiatico si è conclusa nel caos assoluto, con proteste in campo e lanci di bottiglie del pubblico: l’arbitro aveva decretato la vittoria dell’India sul Bangladesh tramite il sorteggio, ma era tutto sbagliato.
A cura di Paolo Fiorenza
27 CONDIVISIONI
Immagine

Errori su errori, che hanno portato ad un caos risolto solo grazie alla decisione di una delle due squadre di condividere la vittoria con la formazione avversaria: è quanto accaduto non in un torneo rionale, ma nella finale del campionato Under 19 femminile SAFF (South Asian Football Federation, un'associazione delle nazioni calcistiche dell'Asia meridionale, ovvero Bangladesh, Bhutan, India, Maldive, Nepal, Pakistan e Sri Lanka). India e Bangladesh si sono affrontate nell'atto finale della competizione, chiudendo la gara in parità 1-1. A quel punto si è andati ai rigori e da lì in poi è successo di tutto.

Dopo che la parità è rimasta invariata dopo i primi cinque penalty, si è andati ad oltranza finché non hanno tirato dal dischetto tutte e 22 le calciatrici in campo. Anche i due portieri hanno tirato e segnato i loro rigori e il risultato è rimasto ancora perfettamente in equilibrio. Secondo il regolamento applicato ovunque e a qualsiasi livello nel mondo, si sarebbe dovuto proseguire con i rigori ancora a oltranza, fin quando una squadra avesse segnato e l'altra no, ed infatti questa era l'intenzione dell'arbitro nepalese Raj Anjana, che aveva anche messo il pallone sul dischetto. Il capitano del Bangladesh Afeeda Khandaker stava per tirare nuovamente il proprio rigore dopo averlo già fatto al primo giro.

Ma in quel momento il commissario di gara cingalese, De Silva Jayasuriya Dilan, ha deciso improvvisamente di ricorrere al sorteggio per assegnare il titolo. Dopo aver chiamato i capitani delle due squadre, ha fatto effettuare il sorteggio molto velocemente dall'arbitro. L'India lo ha vinto e ha iniziato a festeggiare la vittoria del torneo.

Le calciatrici dell'India festeggiano dopo aver vinto il sorteggio: ma era ancora lunga...
Le calciatrici dell'India festeggiano dopo aver vinto il sorteggio: ma era ancora lunga…

Ma i dirigenti del Bangladesh hanno iniziato a protestare con l'arbitro e il commissario di gara, chiedendo ragione dell'applicazione di una regola inesistente, visto che in nessuna parte del regolamento del torneo si trova traccia dell'interruzione dei calci di rigore a oltranza per affidarsi al sorteggio.

Le vivaci proteste del Bangladesh col commissario di gara cingalese
Le vivaci proteste del Bangladesh col commissario di gara cingalese

La situazione è diventata incandescente anche fuori dal campo, visto che la finale si giocava in Bangladesh. Quando le giocatrici della squadra indiana sono andate a festeggiare davanti alla tribuna gremita, gli spettatori si sono infuriati e hanno iniziato a lanciare bottiglie in campo. Il quel momento il commissario di gara ha clamorosamente sconfessato la sua precedente decisione, ammettendo di aver sbagliato e indotto in errore anche l'arbitro: si sarebbe dovuto continuare a tirare i rigori a oltranza. Ma a quel punto è stata l'India a non starci e l'intera squadra ha lasciato il campo per protesta.

La vicenda era tanto ingarbugliata quanto surreale: nessuno, in campo e fuori, ci capiva più niente. L'arbitro ha deciso di aspettare 30 minuti che la squadra indiana tornasse in campo, mentre le calciatrici del Bangladesh attendevano sul terreno di gioco. I 30 minuti sono diventati due ore, durante le quali è andata avanti la trattativa con la delegazione indiana, con molti spettatori ancora sulle tribune. L'attesa è finita dopo ben cinque ore, quando il mistero di chi e come avesse vinto la coppa è stato sciolto: India e Bangladesh sono state annunciate entrambe come vincitori del torneo.

India e Bangladesh vengono premiate assieme come vincitrici del torneo
India e Bangladesh vengono premiate assieme come vincitrici del torneo

"È stato un bel gesto da parte della All India Football Federation. Abbiamo accettato la decisione di dichiarare entrambe le parti vincitrici congiunte", ha detto una fonte della Federcalcio indiana, mettendo la parola fine ad una delle pagine più surreali del calcio internazionale.

27 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views