Conflitto in Ucraina
6 Aprile 2022
11:06

La Russia ritira il ricorso al TAS contro la FIFA, niente Mondiali: in sospeso solo un procedimento

Il TAS ha annunciato che la Federazione russa ha ritirato il ricorso contro la decisione della FIFA dopo il divieto di partecipazione ai Mondiali 2022. Resta in sospeso la procedura contro la UEFA.
A cura di Vito Lamorte
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

La Federcalcio russa ha ritirato il ricorso presentato il 30 marzo scorso contro la decisione della FIFA di vietare la sua partecipazione alle competizioni internazionali: in questo modo ha accettato la sua esclusione dalla Coppa del Mondo 2022 in Qatar. Ad annunciarlo è stato il Tribunale arbitrale dello sport (TAS): "La procedura sarà chiusa a breve". Lo stesso TAS lo scorso 18 marzo aveva respinto il ricorso dei russi che chiedevano di giocare i playoff per la qualificazione ai Mondiali che si terranno il prossimo inverno: il 24 marzo avrebbe dovuto giocare contro la Polonia e la vincente avrebbe incontrato la vincente di Svezia-Repubblica Ceca ma così non è andato a causa dell'esclusione arrivata dopo lo scoppio della guerra in Ucraina.

La federcalcio della Russia tiene aperto, invece, il procedimento contro la UEFA, che ha bandito club russi e nazionali dalle competizioni europee, perché spera che la selezione femminile possa ancora partecipare a EURO 2022 questa estate in Inghilterra. Il TAS su questa situazione ha reso noto: "Per il momento non è stato stabilito alcun calendario procedurale".

Il TAS ha fatto sapere che sono arrivate nuove procedure contro le sanzioni assunte dagli organismi sportivi dopo l'invasione dell'Ucraina da parte dell'esercito russo: le federazioni di pattinaggio, biathlon, canottaggio, rugby e ginnastica contestano l'esclusione dei propri atleti dalle competizioni internazionali e vogliono far sentire la loro voce nelle sedi competenti.

Qualche giorno fa erano girate voci sulla possibilità che la Russia abbandonasse la UEFA per spostarsi nell'AFC e che c'erano degli studi in corso con annesse valutazioni per analizzare i pro e i contro sul trasferimento nell'Asian Football Confederation. Non ci sono più state indicazioni in merito ma non sarebbe un passaggio semplice.

Inoltre, la Russia si è candidata per ospitare gli Europei del 2028 o quelli del 2032: nell'ultimo giorno in cui era possibile presentare la propria offerta, è arrivata la notizia che ha spiazzato tutti e va nella direzione opposta rispetto alle decisioni prese da UEFA e FIFA in seguito all'invasione dell'Ucraina e alla guerra che sta seminando terrore e morte da più di 20 giorni.

2541 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni