Con l'arrivo di Andrea Pirlo sulla panchina della Juventus, Andrea Agnelli ha deciso di dare un taglio netto con il passato e di aprire una nuova pagina della storia del club campione d'Italia. Definito da alcuni la scelta più intelligente, da altri invece visto come un azzardo, il debutto dell'ex regista della Nazionale traccia infatti un solco ben definito con le avventure di Conte, Allegri e Sarri: allenatori arrivati a Torino con un curriculum di tutto rispetto. Inizialmente scelto per guidare l'Under 23, Pirlo porterà inoltre con sé i suoi collaboratori: nomi e volti già conosciuti dai tifosi juventini.

Secondo il ‘Corriere della Sera', il nuovo allenatore potrà dunque contare sull'aiuto del vice Roberto Baronio. Reduce da una stagione poco positiva con la Primavera del Napoli, terminata con l'esonero nello scorso gennaio quando la squadra (poi retrocessa) era all'ultimo posto, l'ex centrocampista della Lazio è uomo di fiducia e grande amico del nuovo allenatore bianconero: conosciuto e frequentato nei primi anni al Brescia. Le novità, però, non dovrebbero finire qui.

Il possibile ritorno di Barzagli e Matri

Oltre all'arrivo di Baronio, che avrebbe superato la concorrenza di Giovanni Martusciello, Pirlo potrebbe accogliere nel suo staff anche il match analyst Antonio Gagliardi, in arrivo dallo staff della Nazionale azzurra di Roberto Mancini, e forse anche Roberto Barzagli e Alessandro Matri: ex bianconeri in grado di seguire e preparare difensori e attaccanti e supportare il lavoro del nuovo allenatore con la loro esperienza. Il ‘domino' bianconero provocato dall'esonero di Sarri e dall'arrivo del ‘Maestro', libera inoltre il posto per la panchina dell'Under 23: inizialmente assegnata proprio a Pirlo. Il ballottaggio per guidare i ragazzi della cantera della Juventus vede coinvolti Fabio Grosso e Marco Baroni.