28 Ottobre 2021
17:29

Italia-Svizzera all’Olimpico senza capienza massima, l’annuncio: “Accontentiamoci del 75%”

La dichiarazione del sottosegretario alla Salute Sileri, che sembra rinviare ancora una volta l’apertura totale dell’ Olimpico in vista di Italia-Svizzera del 12 novembre, arriva a poche ore di distanza da quella della sua collega Valentina Vezzali. Era stata proprio la sottosegretaria allo Sport ad annunciare come sicura la deroga per portare al 100% la capienza dello stadio che ospiterà gli azzurri nella gara decisiva per andare ai Mondiali in Qatar. A 15 giorni dall’evento ancora non si conosce il limite di spettatori che avrà accesso all’impianto della capitale.
A cura di Andrea Lucia

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ha spento i facili entusiasmi sulla possibilità di aprire lo stadio Olimpico di Roma al massimo della sua capienza per Italia-Svizzera, partita decisiva di qualificazioni ai Mondiali 2022. "I casi stanno aumentando e al momento la situazione è in continua evoluzione, seppur in uno scenario positivo. Per la partita del 12 novembre mi accontenterei di vedere lo stadio pieno al 75% e non rischiare con un'apertura totale" ha dichiarato Sileri intervenendo ai microfoni Rai di Radio 1, durante la trasmissione "Un giorno da pecora".

Proprio nelle ultime ore la sottosegretaria allo Sport Valentina Vezzali aveva chiesto una deroga affinchè l'attuale capienza degli stadi italiani al 75% fosse aumentata al 100% solamente in occasione della partita della nazionale italiana contro gli elvetici. Se l'ex schermitrice si era detta addirittura sicura di riuscire in questa iniziativa, anticipando quasi l'apertura totale di tutti gli stadi italiani, il numero della Figc Gabriele Gravina era apparso fiducioso ma più evasivo: "Siamo a buon punto, per Italia-Svizzera avremo un gran bello stadio".

A questo punto, a 15 giorni dall'evento e con la vendita dei biglietti già aperta, non si conosce il limite di spettatori che avrà accesso all'impianto che ospita le gare casalinghe di Roma e Lazio. Attualmente gli stadi italiani possono contenere il 75% degli spettatori previsti ma nonostante l'aumento della capienza stabilito di recente non sono aumentati i tifosi sugli spalti. L'idea è quella di celebrare il primo evento con capienza totale dopo quasi due anni di pandemia in occasione di una partita speciale, che vale il primo posto del girone di qualificazioni per l'accesso ai prossimi Mondiali in Qatar. La decisione finale spetterà ai componenti del Comitato tecnico-scientifico ma anche Sileri è voluto intervenire sulla questione:"Abbiamo fatto uno sforzo importante nel riaprire quasi tutto, io aspetterei qualche settimana per aumentare la capienza al 100% .Anche io auspico questa ma soluzione ma secondo me è ancora presto".

La capienza degli stadi resta al 75%, ma servirà la mascherina FFP2 per tutti gli eventi sportivi
La capienza degli stadi resta al 75%, ma servirà la mascherina FFP2 per tutti gli eventi sportivi
Jorginho chirurgico, dopo la Svizzera non ha più sbagliato un rigore: ha trovato l'errore
Jorginho chirurgico, dopo la Svizzera non ha più sbagliato un rigore: ha trovato l'errore
Capienza stadi in Serie A ridotta a 5mila spettatori: perché il nuovo limite parte dal 15 gennaio
Capienza stadi in Serie A ridotta a 5mila spettatori: perché il nuovo limite parte dal 15 gennaio
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni