L'Inter dopo dieci anni giocherà la finale di una manifestazione internazionale e venerdì 21 agosto avrà la possibilità di vincere per la prima volta dal 1998 l'Europa League (che all'epoca si chiamava ancora Coppa Uefa). La squadra di Conte nella semifinale secca giocata a Dusseldorf ha sconfitto per 5-0 lo Shakhtar Donetsk e ora se la vedrà con il Siviglia, che ha battuto nella prima semifinale il Manchester United.

Il gol di Lautaro apre la semifinale

3-5-2 classico per Conte, con i migliori giocatori disponibili pronti a fronteggiare uno Shakhtar schierato con il 4-1-4-1 con il brasiliano Junior Moraes in attacco. L'Inter fa la partita e al 19′ trova il gol Barella, uno dei migliori, prende spazio e mette in mezzo un pallone splendido, il cross diventa un assist per Lautaro che di testa insacca e segna il primo gol in Europa League. L'argentino festeggia mettendosi il pallone sotto la maglietta, come fece per primo Bebeto a USA '94, la compagna di Lautaro è in dolce attesa. L'Inter ha un altro paio di chance, una buona con Lautaro, ma non riesce a concretizzarla.

D'Ambrosio, doppiette Lautaro e Lukaku

I nerazzurri hanno subito un'occasione con Lukaku nel secondo tempo, in cui la squadra ucraina si rende molto pericolosa un paio di volte soprattutto con Junior Moraes che ha una bella chance ma non la sfrutta, poco dopo c'è il 2-0 di D'Ambrosio che svetta di testa e insacca. La partita si chiude attorno la mezz'ora quando il pressing di Gagliardini dà i suoi frutti e permette a Lautaro Martinez di segnare una doppietta. Alla serata perfetta, alla semifinale magica da consegnare alla storia non poteva certo mancare Lukaku, che serve il poker e segna per la decima partita consecutiva in Europa League. Il belga poi ne segna ancora un altro, realizza un gol fenomenale e fissa il punteggio sul 5-0. Venerdì 21 agosto l'Inter affronterà il Siviglia a Colonia nella finale di Europa League.