Il lancio di Toni Kroos che ha innescato Vinicius è da manuale del calcio. C'è tutto in quella prodezza balistica. Il tedesco la calibra alla perfezione mostrando intelligenza tattica, visione di gioco, tecnica e talento. Riceve palla in difesa, dà un'occhiata a come è sistemato il Liverpool in campo, conosce la velocità del brasiliano e sa quanto possa essere micidiale. Il resto lo racconta la sequenza videoclip in occasione del vantaggio del Real Madrid nell'andata dei quarti di Champions con il Liverpool.

Vinicius omaggia il tedesco con un inchino

Il centrocampista dei blancos effettua un passaggio lungo, disegnato con il compasso: la sfera viaggia per circa 50 metri, prende quota e poi s'abbassa nei pressi della punta. Una traiettoria precisa, perfetta. Pochi attimi ed è gol. Bella l'esecuzione, altrettanto bello il gesto del brasiliano (autore della doppietta decisiva nel 3-1 finale) che esulta ma rende grazia a Kroos con un gesto emblematico: lo omaggia facendo una sorta di inchino. Chapeau, dinanzi a tanta classe. E di classe in mediana Zidane ne ha tanta: Modric conferisce geometrie ed equilibrio, Casemiro fa il ‘lavoro sporco' ma è altrettanto prezioso in una linea mediana che per il Liverpool si rivela un muro di gomma.

I numeri di Kroos nella sfida con il Liverpool

Kroos, un gigante. C'è una statistica in particolare che ne fotografa la prestazione e fa riferimento alla precisione dei passaggi oltre al numero delle palle lunghe giocate (e riuscite). Il tedesco ha toccato 86 palloni, completato 68 passaggi su 75 (91%) di cui 4 quelli chiave, giocato 9 palle lunghe (tutte a bersaglio), 1 grande occasione creata. Un marziano in terra al cospetto di un avversario apparso fragile, fragile nonostante lo stesso Real fosse in campo senza pezzi da novanta in difesa come Varane e Sergio Ramos.