Il Borussia Dortmund gioca contro il Paris Saint-Germain gli ottavi di finale di Champions: andata in Germania il 18 febbraio, ritorno a Parigi previsto per l'11 marzo. Il club tedesco potrà schierare anche Erling Haaland, l'attaccante prelevato dal Salisburgo? Sì, nonostante abbia già giocato la fase a gironi con la squadra austriaca. Non c'è alcun problema di tesseramento né una norma che vieti di ingaggiarlo o imponga limitazioni nello schierarlo.

Anzi, negli ultimi anni la normativa della Uefa è andata nella direzione opposta, favorendo operazioni di calciomercato che consentono d'inserire nella lista anche calciatori (fino a un massimo di 3 nuovi acquisti) già protagonisti nella prima porzione della Coppa.

Haaland col Borussia negli ottavi di Champions, il regolamento

Quali sono gli articoli in questione che permettono al club tedesco di avere in attacco il bomber della Champions? Il regolamento ufficiale fa riferimento in particolare a due norme, quelle che consentono ad Haaland (8 gol in 6 match della fase a gruppi) di provare a implementare il bottino in Coppa. Si tratta degli articoli 45.01 e 45.02 (quest'ultimo il più importante nello specifico), ecco cosa dicono:

  • articolo 45.01 A partire dagli ottavi di finale una squadra può inserire nella lista da presentare fino a un massimo di 3 nuovi calciatori per le altre partite della competizione. Le nuove indicazioni devono pervenire entro l'1 febbraio 2019 (ore 24.00) e la scadenza non è prorogabile.
  • articolo 45.02 I 3 nuovi calciatori inseriti nelle liste dei club possono aver già disputato le qualificazioni, gli spareggi o la fase a gironi della Uefa Champions League o Uefa Europa League con un'altra squadra.

Il doppio confronto del Borussia contro il Psg

È dunque quest'ultima prescrizione ad aver incoraggiato il Borussia Dortmund a dare un'accelerata alla trattativa con Salisburgo e, soprattutto, a spiegare perché lo stesso Haaland abbia accettato il trasferimento: chiedeva di poter giocare in un club che poteva assicurargli ancora una ribalta europea di rilievo e la certezza di essere al centro del progetto. Il "muro giallo" è pronto ad accoglierlo, i tedeschi sperano di avere l'asso nella manica per battere il Psg nel doppio confronto tra febbraio e marzo.