109 CONDIVISIONI

Giuntoli braccato da Le Iene per la gaffe clamorosa sulle donne: “Esempio infelice”

Giuntoli non ha cercato giustificazioni e ha chiesto scusa per quell’accostamento clamoroso tra un acquisto flop di mercato e la scelta di “mettersi in casa” una donna sbagliata “che non fa da mangiare, non lava, non stira”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it
A cura di Maurizio De Santis
109 CONDIVISIONI
Cristiano Giuntoli s'è scusato ai microfoni de Le Iene per la frase sessista pronunciata nell'intervista al Festival dello Sport.
Cristiano Giuntoli s'è scusato ai microfoni de Le Iene per la frase sessista pronunciata nell'intervista al Festival dello Sport.

Una frase buttata lì, come un sassolino nello stagno. Un'affermazione fatta con una punta d'ironia, del tutto ignaro che stava inciampando nella più clamorose delle gaffe. Cristiano Giuntoli era sul palco del Festival dello Sport di Trento quando, rispondendo a una domanda specifica sulla sua esperienza di uomo mercato, s'inerpicò lungo un ragionamento pericoloso. E scivolò sulla più classica buccia di banana accostando la scelta di un giocatore da ingaggiare e portare in squadra al rapporto con una fidanzata.

Il neo diesse della Juve arrivò al nocciolo della questione un po' alla volta: parlò di valutazioni fatte tenendo conto anzitutto del fattore umano prima ancora degli algoritmi, del contesto di vita (a cominciare dall'ambito familiare) in cui è cresciuto l'atleta, delle informazioni e delle abitudini che ne hanno scandito la carriera fino a quel momento. Al netto delle qualità tecniche e dell'opportunità tattica, tutti i pezzi del mosaico sono tenuti assieme da un unico filo conduttore: "Per sbagliare meno si devono prendere tante informazioni che vanno incrociate con quel che emerge anche dai video".

Il termine di paragone scelto dal diesse suscita sorrisi ma è un po' una caduta di stile.
Il termine di paragone scelto dal diesse suscita sorrisi ma è un po' una caduta di stile.

Giuntoli, però, non si limitò a questo e, compulsato dalla giornalista, si abbandonò al paragone della discordia: "Quando prendi un giocatore è come una fidanzata – disse allora -. Pensi sia quella giusta, la porti a cena ma poi capisci strada facendo, quando te la metti in casa, che non va bene, che non fa da mangiare, non lava, non stira".

Non aveva certo intenzione di mancare di rispetto ma quell'espressione fece storcere il muso perché poco elegante e, più ancora, imperniata su una riflessione sessista. Non prepara né sa cucinare, non si occupa a dovere delle faccende di casa: la sintesi fu tutta in quelle poche parole per le quali Le Iene lo hanno braccato e gli hanno chiesto semmai si fosse accorto d'essere finito in un vicolo cieco.

Il neo dirigente della Juve aveva accostato un acquisto mercato flop alla scelta infelice di avere accanto una donna sbagliata.
Il neo dirigente della Juve aveva accostato un acquisto mercato flop alla scelta infelice di avere accanto una donna sbagliata.

Giuntoli non ha cercato giustificazioni e ha chiesto scusa, come si evince da alcune anticipazioni dell’intervista concessa al programma di Italia 1 e che andrà in onda martedì 31 ottobre.

"Ho fatto sicuramente un esempio infelice – l'ammissione del dirigente bianconero ai microfoni di Mediaset -. Mi dispiace e chiedo scusa a tutti coloro, uomini e donne, che si sono sentiti offesi dalle mie parole. Penso che famiglia ci si debba sempre aiutare e dividere il maniera equa tutti i compiti che ci sono a fare. Io, per esempio, in casa spesso cucino".

109 CONDIVISIONI
Disastro Juve, l'Udinese passa allo Stadium e fa un regalo all'Inter: basta un gol di Giannetti
Disastro Juve, l'Udinese passa allo Stadium e fa un regalo all'Inter: basta un gol di Giannetti
Allegri stravedeva per Yildiz già due anni fa: "Se ti capita dai un'occhiata a questo ragazzo"
Allegri stravedeva per Yildiz già due anni fa: "Se ti capita dai un'occhiata a questo ragazzo"
Perché il contatto Okoye-Milik non è da rigore e Sommer-Nzola sì: "C'è una differenza"
Perché il contatto Okoye-Milik non è da rigore e Sommer-Nzola sì: "C'è una differenza"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni