Infinito Gigi Buffon: 654 presenze in Serie A, a 43 anni, e ancora tanta voglia di continuare. Superman non si ferma, la criptonite è ancora chiusa nel cassetto e può attendere perché c'è un'intera stagione ancora da disputare. La Juventus gli sta dando spazio non appena può e così, di volta in volta, cadono i principali primati ancora da raggiungere, come l'attuale maggior presenza nei principali campionati, finito in mano di Buffon.

"L'ho fatto saltando, non strisciando". Così ha voluto sottolineare il nuovo record che lo proietta ancor di più tra i più grandi di sempre. Nel dopo partita contro il Crotone, gara in cui non ha subito reti e ha permesso alla Juventus di riappropriarsi del terzo posto in classifica a ridosso del Milan, Buffon ha confermato la fermezza di voler continuare a stupire, senza fermarsi. "Misuro ogni settimana le mie prestazioni" ha confidato ai microfoni di Sky "misuro i miei salti in ampiezza e altezza. quando vedrò che calano anche di un centimetro, sarò il primo a decidere di fermarmi. Fino ad allora ci sono".

Un elemento in più per questa Juventus e Andrea Pirlo, alla disperata rincorsa dell'Inter di Conte che prova a prendere il largo e scrollarsi di dosso le avversarie. "Non è certo una sorpresa", evidenzia Buffon che di sfide con i nerazzurri ne ha giocate a decine, la maggior parte vincendole. "E' una conferma della bontà della squadra di Antonio Conte. L'Inter era una sorpresa quando non riusciva a dimostrare il proprio valore. Oggi ce l'ha ed pari al nostro. Dunque, per me non è una novità".

In attesa di provare a recuperare sui nerazzurri, resta la gioia e l'orgoglio di scalare classifiche tra i primati che restano. Buffon, dall'alto delle sue 654 caps guarda dall'alto verso il basso tutti, anche Gareth Barry che in Premier League si è fermato a 653 presenze totali. Ma non è ancora finita: il girone di ritorno è appena iniziato e finchè Superman riuscirà a volare, resterà pronto per scendere in campo ogni volta che la Juventus glielo chiederà.