118 CONDIVISIONI
Caso scommesse nel calcio

Florenzi non è l’ultimo nel caso scommesse: l’indagine può portare verso calciatori di Inter e Roma

Florenzi è l’ultimo nome iscritto nel registro degli indagati per le scommesse illegali: i documenti nelle mani della squadra mobile potrebbero portare al coinvolgimento di altri calciatori non soltanto della Serie A.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it
A cura di Ada Cotugno
118 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Caso scommesse nel calcio

Il terremoto che ha scosso il calcio italiano durante l'ultima pausa per le nazionali ha dato la sua seconda scossa: la Procura di Torino ha ufficialmente iscritto nel registro degli indagati Alessandro Florenzi per il caso scommesse. Il nome del milanista si aggiunge alla lista di Sandro Tonali e Nicolò Fagioli che attualmente stanno scontando la loro squalifica di rispettivamente dieci e sette mesi.

Ma secondo quanto riferito dal quotidiano La Verità ci potrebbero essere altre novità sul caso e il cerchio rischia di allargarsi. L'ex giocatore della Roma è già stato ascoltato dal Pm Manuela Pedrotta, alla quale ha ammesso di aver partecipato a scommesse su altri tipi di giochi tranne che sul calcio, come successo già nel caso di Nicolò Zaniolo.

Immagine

Le indagini sono ancora in corso e al momento gli inquirenti non si sono ancora sbottonati sulla posizione di Florenzi, né tantomeno sugli sviluppi di questa inchiesta che potrebbe allargarsi ancora. Sotto la lente di ingrandimento sono finite le scommesse clandestine fatte da alcuni giocatori: il caso è stato scoperchiato con Fagioli ma secondo La Verità nel giro potrebbero esserci anche altri profili, non soltanto della Serie A.

Immagine

Gli investigatori della Squadra mobile stanno analizzando la rete di contatti per provare a risalire al quadro completo e per il quotidiano presto nel registro degli indagati potrebbero finire anche calciatori di Inter e Roma, oltre a chi ha operato nel ruolo di "banco" per le scommesse illegali.

Il materiale su cui indagare è tutto nella misteriosa chiavetta USB collegata a un testamento depositato e consegnata alla polizia in cui ci sarebbero file importanti per gli sviluppi di questa inchiesta: audio e documenti sono stati analizzati nel dettaglio e presto potrebbero portare a nuovi nomi coinvolti in questa triste vicenda.

118 CONDIVISIONI
127 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni