Lo sfogo di Sinisa Mihajlovic in diretta tv dopo la gara contro il Sassuolo ha fatto molto discutere. Oltre a lamentarsi per l'arbitraggio (il tecnico è stato squalificato per un turno per insulti al quarto uomo), ha attaccato il conduttore di Sky, Fabio Caressa, e la trasmissione del "Club". Perché tanta rabbia da parte del serbo nei confronti del programma e del giornalista?

La ragione – a suo dire – è nella parzialità con la quale è stata trattata la sfida giocata domenica scorsa dal suo Bologna a San Siro contro l'Inter. Un match che si è concluso con il successo in rimonta dei rossoblù. Secondo l'allenatore, l'argomento sarebbe stato ignorato senza riconoscere i giusti meriti alla prestazione della sua squadra. Concetti che ha espresso in maniera molto colorita e tirando in ballo anche il nome della moglie di Caressa, Benedetta Parodi.

Ho visto quella trasmissione, quella in cui si tolgono la giacca, con quello piccolino che conduce, il marito di Benedetta Parodi, con Bergomi e tutti – le parole di Mihajlovic -. Ho sentito mezzora… non si è mai detta una parola sul Bologna. È una vergogna, sembrava Inter Channel.

La replica di Fabio Caressa è arrivata qualche giorno dopo. Il giornalista di Sky ha risposto durante il suo intervento al Deejay Football Club chiarendo la propria posizione, sia dal punto di vista giornalistico sia sotto il profilo strettamente privato.

La gara si era giocata alle 17.15 e abbiamo parlato del Bologna per tutto il post partita – la precisazione di Caressa -. All’una meno venti, con il casino sul rigore di Lautaro, che aveva scelto lui di tirare, l’argomento della serata era quello. L’unica cosa fastidiosa, ma non per me che non me ne frega niente, è il concetto che avere accanto una compagna di successo sia disdicevole. È una cosa un po’ grave nel 2020, soprattutto per chi ha due figlie come me.