26 Luglio 2022
23:41

Eriksen ha voglia di United ma non dimentica l’Inter: “Avrei voluto onorare il contratto”

Nel giorno della presentazione ufficiale con il Manchester United, il centrocampista danese non ha dimenticato i suoi trascorsi nerazzurri: “L’inizio è stato difficile, poi l’Inter è diventato il posto giusto dove stare”
A cura di Alessio Pediglieri

Il 7 agosto il Manchester United debutterà ad Old Trafford per la nuova stagione sportiva e in campo ci potrebbe essere da titolare anche Chris Eriksen, uno degli ultimi acquisti dei Red Devils di questa estate, con il danese che ritrova una grande realtà con ambizioni importanti e grandi aspettative. Sia personali per capire come prosegue il rientro nel calcio che conta dopo il dramma agli Europei, sia di club con la società inglese ad un bivio storico dopo una serie di stagioni assolutamente incolori.

Eriksen ha scelto la sfida che gli è stata lanciata: un contratto triennale, un club di prima fascia, un nuovo salto che nel calcio ai massimi livelli. Una sfida che è iniziata ufficialmente martedì 26 luglio con la presentazione: "Non mi aspettavo la chiamata del Manchester United e vestire questa maglia. Mi sono preso tutto il tempo e ho atteso che cosa mi si proponesse. L'asticella adesso è molto alta, vogliamo vincere in qualsiasi competizione giocheremo". Poi se Eriksen rientrerà negli schemi iniziali o dovrà sgomitare per avere un posto, dipenderà anche da ten Hag: "Sono qui per dimostrare il mio valore, la presenza del mister è stata determinante. Abbiamo parlato apertamente, per me è stata una scelta fantastica e perfetta".

Questo il presente, ma al sito ufficiale dei red Devils Eriksen non ha dimenticato il suo passato, con il suo arrivo in sordina in Italia all'Inter, per poi prendersi sottovoce ma con fermezza il proprio spazio, lasciando un ricordo più che positivo. "Volevo provare qualcosa di diverso dopo sette anni passati a Londra in modo molto positivo. L'inizio è stato difficile in Italia, poi però l'Inter si è rivelato un posto molto buono dove stare". Un'Inter che però ha vissuto il pieno del dramma personale di Eriksen, vedendosi sfuggire di mano un giocatore che finalmente stava prendendo confidenza: "Il mio progetto era di voler onorare il contratto fino in fondo".

E il futuro? Ovviamente a medio termine c'è l'appuntamento con la Danimarca e i Mondiali in Qatar: Eriksen è tra i convocabili ma sa perfettamente che non gli faranno sconti. La sua presenza passerà da come saprà stare a Manchester: "Da quando ho iniziato la riabilitazione l’obiettivo e il sogno era ovviamente quello di tornare in condizione per la Coppa del Mondo. Adesso finalmente ne ho la  possibilità".

Ronaldo è l'ultima scelta dello United, ma a Manchester c'è un insospettabile che non lo dimentica
Ronaldo è l'ultima scelta dello United, ma a Manchester c'è un insospettabile che non lo dimentica
Wayne Rooney costretto a sostituire un suo giocatore:
Wayne Rooney costretto a sostituire un suo giocatore: "Ha usato la parola peggiore del mondo"
L'intervista di Guardiola dopo aver vinto 6-3 non è normale:
L'intervista di Guardiola dopo aver vinto 6-3 non è normale: "Pep, tutto questo è spaventoso"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni