Le notizie sull'emergenza Coronavirus che ha colpito l'Italia hanno ovviamente fatto il giro del mondo. Il Valencia, club che mercoledì scorso è stato impegnato in Champions a San Siro, nell'andata degli ottavi contro l'Atalanta, ha pubblicato un comunicato ufficiale riservato ai tifosi che hanno seguito la squadra nella trasferta italiana. Il club spagnolo ha voluto diffondere una serie di raccomandazioni per tutti i sostenitori, affinché non sottovalutino nulla e stiano attenti a possibili segnali di un eventuale contagio

Coronavirus, preoccupazione a Valencia dopo la partita contro l'Atalanta

Il Valencia ha diramato una nota ufficiale riservata a tutti i tifosi che hanno seguito la squadra in occasione della trasferta italiana della scorsa settimana. I "Pipistrelli" infatti hanno giocato a Milano, nello stadio di San Siro, il match d'andata degli ottavi di finale di Champions contro l'Atalanta. Alla luce dell'emergenza Coronavirus scoppiata in Italia, la società ha pubblicato una serie di raccomandazione per tutti i sostenitori che sono venuti nel nostro Paese, al fine di non sottovalutare i sintomi di un eventuale contagio e di non farsi prendere dal panico.

Il comunicato del Valencia per i tifosi in trasferta a Milano per il match con l'Atalanta

Nella nota ufficiale del Valencia infatti si sottoliena che "sebbene diversi casi siano stati diagnosticati nel nord Italia, secondo la valutazione del rischio del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), il rischio di infezione da parte del nuovo coronavirus per la popolazione dell'Unione Europea da parte di persone dall'Italia è attualmente considerato da basso a moderato". Allo stesso modo si elencano una serie di raccomandazioni per evitare allarmismi: "Se entro 14 giorni dall'arrivo in Spagna hai un buono stato di salute, puoi continuare ad avere una vita normale in famiglia, con gli amici e nell'ambiente scolastico e lavoro". Il tutto poi facendo riferimento anche alle corrette pratiche da osservare in caso di comparsa di eventuali sintomi.

tot. contagiati 105.792
31 marzo 2.107
tot. guariti 15.729
31 marzo 1.109
tot. deceduti 12.428
31 marzo 837