Il Pordenone ha reso noto che dopo il primo ciclo di tamponi, eseguito come da protocollo anticipatamente al raduno della squadra, sono stati riscontrati due casi di positività al Covid-19. Entrambi i calciatori non hanno mostrato la presenza di sintomi e al momento si trovano in isolamento fiduciario, sotto il controllo della Azienda sanitaria di competenza. Il club friulano, dopo la splendida annata che ha visto i Ramarri protagonisti fino ai play-off per la promozione in Serie A, si è radunato ieri con i giocatori sotto contratto al centro sportivo De Marchi per effettuare test sierologici e tamponi e nel pomeriggio sono iniziati i lavori in maniera individuale in attesa dei risultati.

La preparazione pre-campionato inizierà domani a Tarvisio e la squadra di Attilio Tesser rimarrà nel piccolo centro del Friuli-Venezia Giulia fino al 13 settembre. Il campionato cadetto ripartirà il 26 settembre 2020.

Intanto pochi giorni fa il Pordenone ha fatto sapere che non giocherà più alla Dacia Arena di Udine e al Nereo Rocco di Trieste il prossimo anno e ha comunicato di aver scelto lo stadio “Guido Teghil” di Lignano Sabbiadoro per svolgere le gare casalinghe del campionato di Serie BKT 2020/21: in questi giorni è in corso l’iter per l’adeguamento della struttura ai parametri richiesti dalla Lega B. Una buona notizia per i tifosi del Pordenone.

Il comunicato

Questa la nota ufficiale apparsa sul sito del club friulano in merito alle condizioni dei due calciatori risultati positivi al Coronavirus:

Il Pordenone Calcio comunica che nel primo ciclo di tamponi, eseguito come da protocollo anticipatamente al raduno della squadra, sono stati riscontrati due casi di positività al Covid-19.

Entrambi i calciatori sono asintomatici, si trovano in isolamento fiduciario e sotto il controllo della ASL di competenza.