Festeggiare sì, ma con giudizio. L'Atalanta subito dopo la conquista dei quarti di finale di Champions League grazie alla vittoria sul campo del Valencia, ha riservato un invito speciale ai suoi tifosi. Il club infatti in una nota ufficiale ha chiesto ai suoi supporters di non recarsi presso l'aeroporto di Bergamo, o al Centro Sportivo per festeggiare il ritorno della squadra nerazzurra. Un modo di salvaguardare la salute pubblica, invitando i tifosi a rispettare le disposizioni anti-Coronavirus.

L'Atalanta invita i tifosi a rispettare le disposizioni anti-Coronavirus al ritorno in Italia dopo la Champions

Subito dopo il fischio finale di Valencia-Atalanta, match che ha sancito la qualificazione ai quarti di finale di Champions League dei nerazzurri, il club italiano non ha perso tempo per pensare ai suoi tifosi in Italia. La Dea attraverso un post su Twitter ha chiesto ai propri sostenitori di rispettare le restrizioni legate all'emergenza Coronavirus non ritrovandosi in massa all'aeroporto o al centro sportivo: "Atalanta B.C, in ottemperanza al Decreto ministeriale del 9 marzo, ai fini di salvaguardare la salute pubblica, invita tutte le persone a non creare assembramenti nel centro di Bergamo, all’aeroporto di Orio al Serio o al Centro Bortolotti di Zingonia al rientro della squadra da Valencia".

L'Atalanta e il messaggio d'incoraggiamento per Bergamo dopo la vittoria sul Valencia

Grande attenzione dunque da parte dell'Atalanta, per evitare il replicarsi di scene come quelle viste stasera con i sostenitori del Valencia accorsi a centinaia al Mestalla per incoraggiare la formazione di Celades. I giocatori della Dea mentre il club twittava l'invito ai tifosi a Bergamo, hanno voluto lanciare un messaggio a tutto il popolo bergamasco, mostrando una maglia con una dedica speciale: "Bergamo è per te, mola mia".