1 Novembre 2022
14:55

San Antonio taglia un grande prospetto NBA: accuse gravi, si sarebbe denudato davanti alla psicologa

Il 19enne Joshua Primo è stato licenziato improvvisamente dai San Antonio Spurs, è stato 12sima scelta assoluta del draft 2021. Accuse molto gravi nei suoi confronti, lui rilascia un comunicato in cui parla di “un trauma precedente che ha subìto” e della volontà di “concentrarsi maggiormente sulla sua salute mentale”.
A cura di Paolo Fiorenza

Siamo all'inizio della stagione NBA e come sempre tutte le squadre sono alla ricerca degli assetti giusti, in particolare quei team che hanno cambiato tanto e non ambiscono ad altro che riuscire ad acciuffare un posto nei playoff. Tra questi – con poche chance a dire il vero, pur essendo partiti bene con 5 vittorie e 2 sconfitte – ci sono anche i San Antonio Spurs. La franchigia dell'eterno Greg Popovich è in piena ricostruzione, senza neanche una stella acclarata e tanti giocatori giovani da sviluppare.

Fino a qualche giorno fa tra questi prospetti in cui scovare i Duncan, Ginobili e Parker di domani c'era anche Joshua Primo, 19enne guardia che nel draft dell'anno scorso è stata 12sima scelta assoluta, preso al primo giro dagli Spurs. Insomma parliamo di uno dei cestisti più promettenti dell'intero panorama statunitense, eppure i texani non hanno esitato a rilasciarlo improvvisamente lo scorso 28 ottobre, con una mossa che ha subito sollevato più di un sospetto circa l'esistenza di motivazioni extra sportive, visto anche il fatto che recentemente il club aveva esercitato l'opzione da 4,3 milioni di dollari presente sul contratto di Primo per il 2023-24, a significare l'alto livello di fiducia nel giocatore come pietra angolare del futuro della franchigia.

Invece non ci sarà nulla di tutto questo e adesso il futuro sportivo – e anche personale – di Joshua Primo è pesantemente messo in discussione dalle gravi accuse che sarebbero alla base del suo licenziamento da parte degli Spurs. Secondo quanto rivelato da fonti interne a ESPN, il giovane si sarebbe denudato di fronte a diverse donne, in particolare una psicologa che ha lavorato col club texano, che parlerà giovedì in una conferenza stampa circa le accuse rivolte da lei ed altre al giocatore. La notizia è stata data dall'avvocato della donna, la psicologa Hillary Cauthen.

Poche ore dopo essere stato tagliato, Primo – sceso in campo quest'anno quattro volte con la maglia di San Antonio – aveva rilasciato una dichiarazione criptica in cui faceva capire di avere problemi in relazione ad un trauma che aveva avuto: "So che siete tutti sorpresi dall'annuncio di oggi. Ho cercato aiuto per affrontare il trauma precedente che ho subìto e ora mi prenderò questo tempo per concentrarmi maggiormente sul mio trattamento di salute mentale. Spero di poter discutere di questi problemi in futuro in modo da poter aiutare altri che hanno sofferto in modo simile".

Il ragazzo, che compirà 20 anni a dicembre, sapeva evidentemente che di lì a poco la verità sarebbe saltata fuori: uno scenario che ha scosso la NBA, anche perché gli Spurs sono una franchigia che notoriamente ha una cultura nel supportare i giocatori, non certo per scaricarli brutalmente come in questo caso. "La nostra speranza è che, nel lungo termine, questa decisione serva nel migliore interesse sia dell'organizzazione che di Joshua", ha affermato al riguardo RC Buford, il CEO di San Antonio.

Joshua Primo impegnato in San Antonio–Charlotte lo scorso 19 ottobre
Joshua Primo impegnato in San Antonio–Charlotte lo scorso 19 ottobre

Joshua Primo ha fatto segnare una media di 5,8 punti, 2,3 rimbalzi e 1,6 assist nella sua stagione da rookie con gli Spurs, e 7,0 punti, 4,5 assist e 3,3 rimbalzi nelle quattro partite giocate in questa stagione. Un giocatore in evidente crescita, che adesso si ritrova senza contratto, con le altre squadre della NBA ad osservare attentamente la situazione, visto che un free agent così non può che fare gola. E tuttavia sicuramente la vicenda giudiziaria che lo vedrà a breve protagonista – con la massima attenzione che c'è al riguardo nel mondo sportivo americano – getta un'ombra lunga e difficile da spazzare sulla carriera del ragazzo.

Enorme Jimmy Butler: incontra il ragazzino che aveva fatto più di 4000 miglia per vederlo giocare
Enorme Jimmy Butler: incontra il ragazzino che aveva fatto più di 4000 miglia per vederlo giocare
Giocatore di basket collassa all'improvviso: l'immediato intervento medico evita il dramma
Giocatore di basket collassa all'improvviso: l'immediato intervento medico evita il dramma
LeBron James resta senza parole, il suo avversario lo stende:
LeBron James resta senza parole, il suo avversario lo stende: "Hai giocato contro mio padre"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni