Il CIO ha deciso: il destino delle Olimpiadi di Tokyo 2020 sarà deciso nell'arco delle prossime quattro settimane. Sul tavolo, per la prima volta in via ufficiale, c'è la possibilità di rinviarle alla luce dell'emergenza sanitaria legata al Coronavirus. I Giochi Olimpici sono in programma quest'estate in Giappone, con inizio il 24 luglio e chiusura il 9 agosto. In una nota ufficiale il comitato olimpico internazionale ha ribadito la speranza di poter organizzare l'evento come da calendario, ma si registra la prima apertura ad un eventuale cambio di data. Tra le opzioni in ballo, il CIO ha sottolineato anche la possibilità di organizzare un'edizione "in scala ridotta" delle Olimpiadi. Non è invece prevista in alcun modo l'eventualità di una cancellazione della rassegna a cinque cerchi assegnata a Tokio.

Rinvio Olimpiadi Tokyo 2020: il comunicato

Il comitato olimpico internazionale ha fatto il punto della situazione in un lungo comunicato ufficiale, nel quale sono state sottolineate tutte le possibilità al vaglio.

Per salvaguardare la salute di tutti i soggetti coinvolti e contribuire al contenimento di Covid-19, il comitato esecutivo del comitato olimpico internazionale ha annunciato oggi che il CIO intensificherà la pianificazione dei possibili scenari per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Questi scenari riguardano la modifica dei piani operativi esistenti affinché i Giochi possano proseguire il 24 luglio 2020 o modifiche alla data di inizio dei Giochi. […] Il CIO, in pieno coordinamento con il comitato organizzatore di Tokyo 2020, le autorità giapponesi e il governo metropolitano di Tokyo, avvierà discussioni dettagliate per completare la valutazione del rapido sviluppo della situazione sanitaria mondiale e il suo impatto sui Giochi Olimpici, tra cui lo scenario del rinvio. Il CIO è fiducioso di portare a termine queste discussioni entro le prossime quattro settimane. […] Il CIO ha sottolineato che una cancellazione dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020 non risolverebbe nessuno dei problemi né aiuterebbe nessuno. Pertanto, la cancellazione non è all'ordine del giorno.

Nelle scorse settimane, il CIO aveva ribadito, con grande determinazione, la volontà di organizzare i Giochi Olimpici di Tokyo 2020 come da programma. Il passaggio del Covid-19 da epidemia a pandemia, la sua diffusione su scala globale e la crescente preoccupazione da parte dei singoli comitati olimpici nazionali, hanno indotto il massimo organismo sportivo del mondo a rivedere i propri piani. O almeno ad iniziare una fase di valutazione, che tra quattro settimane produrrà una decisione definitiva sulla sorte delle prossime Olimpiadi.

tot. contagiati 105.792
31 marzo 2.107
tot. guariti 15.729
31 marzo 1.109
tot. deceduti 12.428
31 marzo 837