Maria Sharapova squalificata per doping
in foto: Maria Sharapova squalificata per doping

La Federazione internazionale di Tennis non ha fatto sconti a Maria Sharapova. L'ITF ha squalificato la campionessa russa per due anni. Dopo che Masha è stata trovata positiva al Meldonium lo scorso 26 gennaio. Dopo l’udienza del 18 e 19 maggio scorsi, i giudici hanno deciso di retrodatare la data d'inizio della sanzione al periodo del controllo. Cosa significa? Che la bella e affascinante tennista potrà tornare in campo non prima del 25 gennaio del 2018.

Maria Sharapova, che sperava di avere una pena leggerissima perché voleva prendere parte alle Olimpiadi di Rio, nonostante la sospensione era stata infatti anche convocata per i Giochi dalla Federtennis del suo paese, tramite il proprio profilo Facebook ha fatto sapere di essere molto delusa ed ha dichiarato che rapidamente presenterà appello, forte del fatto che per lei era stata chiesta addirittura una condanna di quattro anni.

Il tribunale della Federtennis oggi ha riconosciuto che la mia assuznzione del Meldonium non fosse intenzionale. La federtennis ha utilizzato grandi risorse di tempo e denaro per dimostrare la mia volontarietà, ma non c'è riuscita. Hanno chiesto che io fossi squalificata 4 anni, ma la loro posizione è stata respinta. Perciò, visto che il tribunale ha concluso correttamente che non l'ho fatto intenzionalmente, non posso accettare una pena ingiusta. Farò appello immediatamente al Cas, la corte di arbitrato per lo sport. Mi manca il tennis e mi mancano i fan. Ho intenzione di lottare per quello che credo sia giusto ed è per questo che io voglio lottare per essere di nuovo sul campo da tennis al più presto possibile.

Al di là dell'esito del ricorso sarà difficile per Maria Sharapova prendere parte alle Olimpiadi, che iniziano il 5 agosto. La bella russa, che nella sua carriera ha vinto cinque prove del Grande Slam – il primo lo ha conquistato a Wimbledon nel 2004, l'ultimo al Roland Garros nel 2014, probabilmente perderà almeno tutta la stagione. Ma di sicuro quando sarà finita la squalifica tornerà, aggueritissima, a giocare a tennis.