Una medaglia per l'Italia e non solo. Elisa Di Francisca, fiorettista italiana che ieri ha perso la finale contro la russa Deriglazova conquistando la medaglia d'argento, subito dopo il match ha sventolato la bandiera dell'Unione Europea. Un messaggio di unione particolarmente apprezzato, un invito a non lasciar vincere il terrorismo. "L'Europa esiste ed è unita contro il terrorismo. Ho portato la bandiera europea sul podio per le vittime di Parigi e Bruxelles. L'Isis? Il terrorismo non deve vincere. Dobbiamo essere uniti e non dobbiamo darla vinta al terrore. Non diamola vinta a chi vuole farci chiudere dentro casa" ha dichiarato l'italiana.

Elisa di Francisca – Getty Images
in foto: Elisa di Francisca – Getty Images

I complimenti delle autorità

L'11° podio azzurro porta con sé un messaggio di speranza. Il gesto della Di Francisca è stato gradito anche dalle autorità; Nathalie Vandystadt, membro dell'esecutivo di Bruxelles responsabile per lo Sport, infatti, intercettata dai microfoni dell'agenzia Adnkronos ha elogiato l'atleta azzurra ricordando poi il "il ruolo positivo dello sport per creare network personali, mettendoci in grado di imparare e capire meglio le culture ed i valori degli altri".

Un'iniziativa, quella della fiorettista italiana, che ha raccolto molti consensi. In un periodo in cui l'Europa è spesso vista più come un male che come un'unica nazione, quella della Di Francisca sembra quasi una voce fuori dal coro. Lo sport come mezzo per unire, l'Olimpiade torna a recitare con forza il ruolo che ha sempre avuto fin dall'antichità tanto da ispirare nuove idee. La portavoce, infatti, ha anche annunciato che l'Unione Europea celebrerà  presto lo sport, il suo valore per la nostra salute ed il benessere, ma anche il suo valore per incoraggiare il rispetto reciproco ed il dialogo, a settembre, in occasione della seconda edizione della Settimana europea dello sport.