Dovrebbe arrivare nelle prossime ore il nuovo Dpcm del Governo, che potrebbe portare a nuove normative per lo sport al fine di provare a contenere la diffusione del Covid-19 e far scendere la curva dei contagi. Questo nuovo Dpcm sarà firmato domani e andrà a colpire, in maniera piuttosto certa, tutti gli sport contatto a tutti i livelli dilettantistici: secondo quanto emerge da una prima bozza del decreto sarebbero permessi solo gli eventi dello sport di vertice a livello nazionale e dovrebbero essere sospesi tutti i campionati regionali. Nel calcio si giocherebbe in Serie A, B, C e D; nel basket andranno avanti i campionati nazionali di A, A2, B nel maschile e A1 e A2 femminile. Tra le nuove misure ci sarebbe anche il ritorno alle porte chiuse negli impianti sportivi: i mille tifosi concessi in Serie A e ai tornei pro non ci saranno più nelle prossime settimane. Fino a qualche settimana fa era stato paventato un aumento nell'ingresso degli spettatoti negli stadi e nei palazzetti ma ora la situazione è peggiorata e si tornerà alle misure prese in precedenza.

Chiusura per palestre e piscine. Il ministro dello sport, Vincenzo Spadafora, qualche giorno fa riuscì a strappare un po’ di tempo alle pressioni degli scienziati e del ministro della Salute, Roberto Speranza, che volevano stoppare le attività già nel dpcm che è stato firmato all'inizio di questa settimana. Le chiusure non riguardano tanto il rischio di contatto durante l’attività o nei luoghi quanto un tentativo di tenere la gente a casa il più possibile, con le sole eccezioni della scuola e del lavoro. Se queste novità presenti nella bozza dovessero essere rispettate, si aprirà un nuovo periodo di stop per tante attività, sia di base che dilettantistiche. Il mondo dello sport è col fiato sospeso in attesa delle nuove normative del Governo.