10.786 CONDIVISIONI
La morte di Gina Lollobrigida

Andrea Piazzolla: “Non prenderò l’eredità, andrà in un fondo dedicato all’arte di Gina Lollobrigida”

Andrea Piazzolla, ospite di Alberto Matano a La vita in diretta, annuncia che rinuncerà ai soldi lasciatigli in eredità da Gina Lollobrigida: “Non prenderò un centesimo, quei soldi andranno in un fondo che farà conoscere l’arte di Gina nel mondo”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Stefania Rocco
10.786 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La morte di Gina Lollobrigida

Andrea Piazzolla è stato ospite di Alberto Matano a La vita in diretta dove ha annunciato l’intenzione di rinunciare ai soldi che Gina Lollobrigida gli ha lasciato in eredità. L’ex assistente della diva l’ha ricordata commosso. “Gina per me era tutto. La mia giornata, il mio tempo. Condividevo con lei gli amici, tutte le occasioni, Natale, Capodanno. 24 ore su 24, 365 giorni l’anno. Era una donna che andava oltre, non è un caso che sia riuscita a ottenere il successo in tutto quello che desiderava fare: pittura, scultura, fotografia, disegno, canto e cinema. Ha dell’incredibile questa donna”, ha detto parlandone ancora al presente.

Andrea Piazzolla: “Non prenderò un centesimo dell’eredità di Gina”

Piazzolla ha quindi spiegato che non prenderà per sé i soldi ricevuti in eredità: “Questi soldi confluiranno in un fondo, un trust. Gina ha designato una persona che tutti conoscono, che è Orazio Pagàni, una persona capacissima, sensibile, una persona onesta. Continuerò a imparare da qualcuno, senza di lui non saprei da dove iniziare. Sono grato a Gina per questo ruolo. La promessa che le faccio è che non la tradirò mai. La metà che ha lasciato a me desidero che sia messa a disposizione per i suoi desideri, quindi far conoscere l’arte. La mia parte sarà totalmente messa all’interno del trust che si occupa di queste cose. Non prenderò nemmeno un centesimo. Lei desiderava non lasciare nulla al figlio, la sua volontà è nota. Mi rivolgo al figlio, gli chiedo di rispettare la volontà della madre e di mettere anche la sua metà per onorare quello che ha fatto la madre. Glielo chiedo pubblicamente”.

Il processo contro Andrea Piazzolla

Gina ha provato qualche volta a tirare fuori il discorso parlando di quando non ci sarebbe più stata ma io ho sempre tagliato corto. Non sapevo che sarai stato il destinatario della metà del patrimonio”, ha spiegato ancora Piazzola, per poi cambiare argomento, passando a commentare il processo che lo vede imputato per circonvenzione di incapace:

Milko Skofic, Dimitri e Rigau hanno fatto questa denuncia nei miei confronti dicendo che ho allontanato tutti, isolato Gina, sfrattato il nipote e che sono sparite delle cose. Nel processo sembra sia stato dimostrato che lo sfratto fosse iniziato due anni prima che arrivassi io, che i rapporti tra Milko e la mamma non fossero buoni, e che la volontà di vendere determinate cose è venuta da Gina, non da me. Questo lo hanno detto i professionisti che si sono interessati alle vendite, non io. Dove sono finiti i soldi? Lo abbiamo spiegato anche in tribunale. Gina ha sempre avuto un alto tenore di vita, come una diva che vive nel suo splendore. Il reato di truffa si concretizza se c’è un ingiusto profitto patrimoniale.

10.786 CONDIVISIONI
42 contenuti su questa storia
L'ex di Piazzolla, factotum di Lollobrigida: "Girava su auto di lusso ma negava i soldi al figlio"
L'ex di Piazzolla, factotum di Lollobrigida: "Girava su auto di lusso ma negava i soldi al figlio"
I cani di Gina Lollobrigida vanno in adozione, il figlio: "Cinque pastori tedeschi cercano casa"
I cani di Gina Lollobrigida vanno in adozione, il figlio: "Cinque pastori tedeschi cercano casa"
Andrea Piazzolla condannato a 3 anni per circonvenzione d'incapace: così derubò Gina Lollobrigida
Andrea Piazzolla condannato a 3 anni per circonvenzione d'incapace: così derubò Gina Lollobrigida
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni