510 CONDIVISIONI
16 Gennaio 2022
9:14

Morto a 91 Nino Cerruti, aveva portato la moda italiana nel mondo: il ricordo di Giorgio Armani

È morto a 91 anni lo stilista Nino Cerruti, uno dei padri della moda italiana, ricoverato all’Ospedale di Vercelli per un’operazione all’anca.
510 CONDIVISIONI
Nino Cerruti (ph Photo by Sean Gallup/Getty Images for GQ)
Nino Cerruti (ph Photo by Sean Gallup/Getty Images for GQ)

È morto a 91 anni lo stilista Nino Cerruti, uno dei padri della moda italiana, che era ricoverato all'ospedale di Vercelli a seguito di un incidente che lo aveva portato a doversi operare all'anca. La morte di Cerruti porta via un altro dei protagonisti della moda italiana nel mondo, che nella sua carriera aveva lanciato designer che avrebbero fatto una lunga carriera, uno su tutti Giorgio Armani che nel 1964, pur senza avere una formazione specifica fu assunto per ridisegnare il marchio Hitman. Il nome di Cerruti è famoso anche per una serie di invenzioni come quella della cosiddetta giacca decostruita, realizzata negli anni Settanta e che ha vestito tantissime star mondiali, che hanno portato i suoi vestiti sui palchi più prestigiosi dello Spettacolo, oltre a essere stato anche il designer ufficiale della Ferrari.

Cerruti era figlio d'arte, discendente di una famiglia biellese di industriali tessili, l'imprenditore aveva raccolto l'eredità dell'azienda di famiglia quando aveva 20 anni ed era riuscito a portarla sempre più su: i suoi pantaloni, per esempio, erano adorati da Coco Chanel, ma la sua moda va oltre i nomi di prestigio che hanno scelto lui per i propri abiti. A metà degli anni 50 Cerruti, infatti, ottiene la popolarità che si era pian piano costruito, presentando la sua prima linea di vestiario, la Hitman a Milano, quella che poi lo stesso Armani avrebbe ripreso in mano, qualche anno dopo, per darle un nuovo appeal. Pochi anni dopo il lancio Hitman, assieme a Osvaldo Testa fonda il marchio Flying Cross, mentre nel 67 apre una boutique a Parigi. L'imprenditore si internazionalizza e proprio in quegli anni firma accordi di licenza in Giappone e USA.

Da azienda prettamente maschile l'azienda si apre alla moda femminile, allargandosi anche ad altri mercati come quello della profumeria ma anche dell'abbigliamento sportivo, specializzandosi in particolare sull'abbigliamento di tennis e da sci e allargandosi, negli anni 80 anche al mercato asiatico. A ricordarlo sono stati in tanti, a partire da Giorgio Armani che ha scritto: "Apprendo con grande tristezza della scomparsa di Nino Cerruti. Nonostante negli anni i nostri contatti si fossero diradati, l’ho sempre considerato una delle persone che hanno avuto una reale e positiva influenza sulla mia vita. Da lui ho appreso non solo il gusto della morbidezza sartoriale, ma anche l’importanza di una visione a tutto tondo. Come stilista e come imprenditore. Il signor Nino aveva uno sguardo acuto, una curiosità vera, la capacità di osare. Mancherà quel suo modo gentile di essere autorevole e anche autoritario".

510 CONDIVISIONI
Giorgia ricorda Alex Baroni a 20 anni dalla morte: "Il tempo non cancella niente"
Giorgia ricorda Alex Baroni a 20 anni dalla morte: "Il tempo non cancella niente"
Fabio Caressa ricorda Galeazzi: "Ha portato il giornalismo sportivo in una nuova dimensione"
Fabio Caressa ricorda Galeazzi: "Ha portato il giornalismo sportivo in una nuova dimensione"
Giorgia Venturini incinta di una bambina: "Si chiamerà Sole Tea, in ricordo di mia mamma"
Giorgia Venturini incinta di una bambina: "Si chiamerà Sole Tea, in ricordo di mia mamma"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni