620 CONDIVISIONI
1 Aprile 2022
18:25

Giancarlo Magalli: “Bruce Willis e quel regalo di compleanno per mia mamma”

Dopo la notizia dell’addio alle scene di Bruce Willis per problemi di salute riaffiorano i ricordi dei molti che lo hanno conosciuto, come Magalli che racconta sui social un bell’aneddoto con protagonista sua madre.
A cura di Andrea Parrella
620 CONDIVISIONI

Il ritiro dalle scene di Bruce Willis per motivi di salute sta facendo il giro del mondo. L'addio al cinema di un personaggio così amato e conosciuto, che lascia a causa di problemi di afasia che a quanto pare gli provocavano difficoltà da tempo sta portando molti a esprimere il dispicere di non vederlo più in scena in futuro. Tanti gli aneddoti che emergono in queste ore, tra cui quello di anche Giancarlo Magalli, che in queste ore ricorda l'occasione in cui conobbe Bruce Willis diversi anni fa, che gli dà modo di ricordare anche sua madre:

Sono molto dispiaciuto per la malattia che ha colpito Bruce Willis perchè, probabilmente, ci impedirà di vederlo nuovamente sullo schermo. È un attore che ho sempre apprezzato e che ha anche al suo attivo un’alta percentuale di film belli, sul totale di quelli realizzati, cosa che purtroppo non possono vantare altri suoi colleghi. La mia ammirazione artistica per lui è cresciuta ed è diventata anche ammirazione umana dopo un episodio avvenuto diversi anni fa a Roma.Ero con la mia famiglia in un ristorante a festeggiare il compleanno di mia madre. Eravamo una bella tavolata di figli, nuore e nipoti e stavamo cominciando a cenare quando nel locale entrò, tra la nostra sorpresa, un mio amico attore in compagnia di Bruce Willis. Ci salutammo e me lo presentò spiegandomi che il giorno dopo a Roma avrebbero presentato un film in cui avevano recitato assieme. Willis fu molto cordiale e chiese il perché della nostra tavolata. Gli spiegammo che era il compleanno di mia madre e lui insistette per cantarle Happy Birthday. Le si mise davanti e cantò con molto trasporto. Alla fine lo applaudimmo e mia madre si commosse.

Gli auguri del conduttore all'attore

Magalli quindi chiude così il suo ricordo: "Per anni quando lo vedeva in qualche film si ricordava di quell’omaggio che lui le aveva tributato. Ecco, io voglio bene a Bruce Willis perché mi ha regalato tante emozioni con i suoi film, ma gliene voglio tanto di più per averne regalata una indimenticabile alla mia mamma. Grazie e spero che le cose possano andare meglio di quanto ora non sembri".  

Perché Bruce Willis ha detto addio al cinema

A firmare il comunicato che annuncia il passo indietro di Bruce Willisrispetto alla sua carriera di attore sono stati la moglie Emma Heming, l'ex moglie Demi Moore e i figli Rumer, Scout, Tallulah, Mabel e Evelyn. Hanno chiarito che sono pronti a stringersi attorno all'amato Bruce per affrontare questa difficile situazione tutti insieme:

"Agli incredibili fan di Bruce, come famiglia vogliamo comunicare che il nostro amato Bruce sta avendo alcuni problemi di salute e gli è stata recentemente diagnosticata l'afasia, che sta avendo un impatto sulle sue abilità cognitive. Come conseguenza di ciò e dopo averci pensato a lungo, Bruce ha deciso di fare un passo indietro in quella carriera che ha significato così tanto per lui. È un momento molto difficile per noi e apprezziamo il vostro amore, la vostra compassione e il vostro sostegno. Stiamo affrontando questo momento come una famiglia unita e vogliamo coinvolgere i fan perché sappiamo quanto Bruce Willis significhi per voi e quanto lui stesso tenga a voi. Con amore, Emma, Demi, Rumer, Scout, Tallulah, Mabel e Evelyn".

620 CONDIVISIONI
Giancarlo Magalli ha 20 telecamere in casa, la figlia Michela:
Giancarlo Magalli ha 20 telecamere in casa, la figlia Michela: "Spiava le mie feste di compleanno"
Bruce Willis ha l'afasia, cos'è il disturbo che ha costretto l’attore a chiudere la sua carriera
Bruce Willis ha l'afasia, cos'è il disturbo che ha costretto l’attore a chiudere la sua carriera
136 di Videonews
Problemi di salute per Giancarlo Magalli:
Problemi di salute per Giancarlo Magalli: "Sono stato male per un'infezione"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni