78 CONDIVISIONI
Festival di Sanremo 2024

Fabio Balsamo e Fru dei The Jackal: “Geolier criticato come Lucio Battisti, l’importante è che arrivi l’emozione”

Gianluca Fru e Fabio Balsamo sono intervenuti nel corso della terza diretta Instagram di Fanpage.it dal Festival di Sanremo 2024: “Cosa dovrebbe fare Geolier se non parlare napoletano? A noi ricorda Lucio Battisti che disse: Ma io quando canto le mie canzoni, vi emoziono?”
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
78 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Sanremo 2024

Gianluca Fru e Fabio Balsamo sono intervenuti nel corso della terza diretta Instagram di Fanpage.it dal Festival di Sanremo 2024. I due attori The JackaL sono impegnati, come tutto il gruppo, nel consueto format del divano: il commento del Festival serata dopo serata sul canale Youtube del gruppo, rilasciate ogni giorno. "Quest’anno sta andando bene sui tempi, ieri Amadeus ha finito pure mezz’ora prima, lo dobbiamo benedire", hanno dichiarato gli attori. Poi la difesa sul napoletano di Geolier e il commento al suo primo posto in classifica di Gianluca Fru: "A me piace troppo quando leggo i commenti dei non napoletani che si incazzano con la canzone di Geolier che è prima. Io li leggo: ci vogliono i sottotitoli. E io penso sempre: vafammok!". 

Il napoletano scritto e parlato: "Quello di Geolier non è sbagliato"

Fabio Balsamo approfondisce la questione parlando soprattutto del testo di Geolier, che parla di libertà e amore per se stessi: "Si parla spesso di libertà all’interno dei testi. Mi piace molto quella di Ghali, ma anche quella di Geolier. L’amore per se stessi è fondamentale per l’amore sugli altri". E sul dialetto, Gianluca Fru:

Da napoletano, abituati a sentirci sempre sbagliati per accento e dialetto, io non so essere obiettivo. Io penso ma Geolier che altro dovrebbe fare se non parlare napoletano?

"Geolier come Lucio Battisti"

Fabio Balsamo ricorda una polemica simile su Lucio Battisti, criticato per la voce stridente e per una tecnica canora fuori dai canoni:

A me ricorda un dibattito su Lucio Battisti, dove lo criticavano perché aveva una voce stridente e lui disse: ma quando io canto le mie canzoni, vi emoziono? Il punto è quello. Che la canzone sappia comunicare qualcosa. Se arriva, se emoziona, basta così. C’è una distinzione netta tra lingua e dialetto, ma non è così. La lingua non è istituzionalizzata. La lingua non è mai stata insegnata ufficialmente, non c’è una grammatica codificata, sebbene sia riconosciuta nel mondo per la sua importanza, ma istituzionalmente non esiste.

78 CONDIVISIONI
758 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views