3.473 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Festival di Sanremo 2024

Chi sono i La Sad, i componenti del gruppo a Sanremo 2024: qual è il significato del loro nome

La Sad, il collettivo emo-trap composto da Matteo Botticini (Theo), Francesco Emanuele Clemente (Plant) ed Enrico Fonte (Fiks), esordiranno al Festival di Sanremo 2024 con il brano Autodistruttivo.
A cura di Vincenzo Nasto
3.473 CONDIVISIONI
La Sad, foto di LaPresse
La Sad, foto di LaPresse
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

La Sad, il collettivo pop punk composto da Theo, Plant e Fiks, sarà protagonista al prossimo Festival di Sanremo 2024 con il brano Autodistruttivo. Tra le sorprese annunciate dal conduttore Amadeus, il gruppo formato da Matteo Botticini (Theo), Francesco Emanuele Clemente (Plant) ed Enrico Fonte (Fiks), porterà sul palco un ambiente emo-trap, frutto della combinazione avvenuta tra il 2019 e il 2020, quando i tre membri, allora coinquilini, hanno formato La Sad. Il nome del gruppo, derivante dal termine inglese Sad, ovvero triste, non è però la prima avventura musicale per i partecipanti del gruppo.

Chi sono i componenti del gruppo e perché si fanno chiamare "La Sad"

Il primo incontro tra Theo, Plant e Fiks avviene nel periodo pandemico, quando condividono la stessa abitazione a Milano. Theo (capelli verdi), originario di Brescia, è un nome conosciuto nella scena punk, essendo il chitarrista dei Upon This Drowning, ma anche parte di un duo trap come Danien & Theo, che ha collaborato nel 2017 una canzone con la Dark Polo Gang e ha pubblicato successivamente, nel 2018, l'album d'esordio La dolce vita. Discorso diverso invece per Fiks (cresta rosa), originario del Veneto, che ha incominciato a pubblicare singoli già dal 2016, viaggiando tra sonorità punk e rage trap, prima di unirsi agli altri due componenti de La Sad. Discorso simile per Plant, di origini pugliesi,  che si è prima lanciato nelle sonorità trap con brani come Wao e I miei Bro, prima di entrare in un filone punk nel 2019 con Non Xdo la testa x una ragazza: il singolo segna anche la prima collaborazione con Fiks. Il nome del gruppo, derivante dal termine inglese Sad, ovvero triste e in un'intervista hanno dichiarato: "A differenza di altri, non abbiamo ascoltato solo punk o solo un genere, e ci sono quindi tante influenze mischiate tra loro. Non è punk, è La Sad".

La Sad, foto di Comunicato Stampa
La Sad, foto di Comunicato Stampa

Il percorso musicale dei La Sad

La Sad è un gruppo pop punk nato nel 2020 in un appartamento condiviso a Milano dai tre autori: Theo, Plant e Fiks. Dopo aver viaggiato per alcuni anni in melodie trap, emo e punk, pubblicano il loro primo singolo Summersad, nell'estate 2020. È chiaro il tributo al pop punk californiano dei Blink-182, come i riferimenti alla nuova scena rap punk americana, tra Machine Gun Kelly e Yungblud. Il brano accumula oltre 2 milioni e mezzo di stream su Spotify, dando il là ad episodi come Miss U e 2nite. Da sottolineare anche una cover di un brano emo-punk italiano come Wale dei Dari, trasformata in Wale (tanto wale). Nel 2022 arriva il primo album Sto nella Sad e la sua deluxe, oltre al quarto episodio della saga Summersad, con uno dei protagonisti di Radar di Spotify come Naska. Il loro ultimo singolo pubblicato è in collaborazione con un altro collettivo che parteciperà al Festival di Sanremo 2024: Memoria con i BNKR44.

La Sad in gara a Sanremo 2024 con Autodistruttivo

La Sad esordiranno sul palco dell'Ariston con Autodistruttivo, a cui hanno lavorato come autori anche M. Paganelli e Riccardo Zanotti dei Pinguini Tattici Nucleari. Gli autori hanno deciso di descrivere così il brano nell'intervista su RaiPlay: "Parla della storia di un ragazzo, che potrebbe essere benissimo uno di noi tre, che da quando è nato non riesce a farsi accettare dalla sua famiglia, dai suoi amici e dalla società. Si imbatte in una sofferenza della non accettazione del suo essere. La definirei rock, anzi Sad: non ha un genere, siamo noi il genere".

Il video della canzone dei La Sad a Sanremo 2024

3.473 CONDIVISIONI
761 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views