Apparterebbe ad Alex Gerolin, il 21enne di Portogruaro svanito nel nulla dalla scorsa settimana, il corpo rinvenuto dai vigili del fuoco nella laguna di Caorle, nelle vicinanze del ponte di via Brussa. Il cadavere è stato individuato poco prima delle 13 di oggi, lunedì 15 aprile, dai sommozzatori dei pompieri di Firenze, che hanno operato con uno scanner sonar. Dopodiché hanno segnalato il ritrovamento ai colleghi del Nucleo di Vicenza, che hanno eseguito il recupero. Il corpo è stato poi messo disposizione dell’autorità giudiziaria per l’identificazione che corrispondeva purtroppo al nome e al volto del giovane scomparso.

Alex era sparito giovedì mattina; era uscito di casa per recarsi all'azienda per cui lavorava (l'Atena S.p.a. di Gruaro), ma non vi è mai arrivato. Nel primo pomeriggio, i genitori e la sorella, non vedendolo rientrare per pranzo e non riuscendo a rintracciarlo telefonicamente (pare non avesse con sé il cellulare) hanno dato l'allarme L e ricerche dei Vigili del Fuoco e dei Carabinieri si stavano concentrando in località Brussa, nel territorio di Caorle dove era stata trovata la macchina del 22enne: una Lancia Ypsilon di colore rosso, lasciata parcheggiata normalmente e chiusa a chiave.  I militari avevano esteso le ricerche alla provincia di Treviso e in particolare alla zona Oderzo-Motta di Livenza. Stamattina, purtroppo il tragico epilogo.