Il peggio è passato. Il Cavaliere è stato operato ieri d'urgenza all'ospedale San Raffaele di Milano, per un'ernia inguinale incarcerata. L'intervento chirurgico gli ha impedito di rispettare gli impegni già presi per la chiusura della campagna elettorale in Basilicata, in vista delle elezioni regionali di domenica 24 marzo.

"Il decorso post chirurgico è il migliore che potessimo attenderci. Ora è necessario solo qualche giorno di convalescenza. Imporre al presidente Berlusconi di fermarsi è sempre un'impresa molto impegnativa'‘, lo ha detto il professore Alberto Zangrillo, medico personale di Silvio Berlusconi, parlando con l'Adnkronos, per fare il punto sullo stato di salute del leader di Forza Italia. Il professor Zangrillo sta seguendo da vicino il decorso post operatorio dell'ex premier con l'equipe medica dell'ospedale milanese.

Berlusconi insomma sta meglio, le sue condizioni fisiche gli hanno permesso di fare un collegamento telefonico con la Conferenza dei coordinatori di Forza Italia, che si è riunita oggi a Roma, presso la sede nazionale del partito, per affrontare i temi relativi alla campagna elettorale per le europee e per preparare l'Assemblea nazionale degli eletti, prevista per il prossimo 30 marzo. Il coordinatore Giacomoni, che ha convocato e presieduto la riunione di oggi, ha fatto sapere che il Cavaliere "si è collegato telefonicamente con i partecipanti, facendo il punto sulla sua candidatura alle europee e sulla preparazione delle liste, e dando appuntamento a Roma per la prossima settimana per una serie di riunioni operative".