28 Settembre 2021
15:27

Violentata e rapinata in casa da una banda di tre uomini: l’incubo di una 48enne

Dal dormire un sonno tranquillo a vivere un incubo a occhi aperti: è successo tutto in pochi istanti, domenica notte ad Acilia. I tre banditi si sono introdotti in casa della 48enne con una pistola in mano. La rapina, il pestaggio, le minacce e infine la violenza sessuale di gruppo. I tre sono stati arrestati dopo una rapida indagine dei carabinieri. Ora sono in carcere.
A cura di Luca Ferrero

Una notte di orrore ad Acilia. Una donna di 48 anni stava dormendo quando nel suo appartamento hanno fatto irruzione tre uomini armati. Minacciandola con una pistola, l'hanno immobilizzata e derubata di tutti i contanti che aveva. Poi il pestaggio e la violenza sessuale di gruppo. Nel giro di poche ore, i tre sono stati subito rintracciati e arrestati dai carabinieri. Uno è in carcere ad Avellino, gli altri due a Regina Coeli.

L'irruzione in casa e la rapina, poi la violenza sessuale di gruppo

È successo tutto in pochi istanti. Dal dormire un sonno tranquillo, la 48enne di origine peruviana si è trovata a vivere un incubo a occhi aperti. Dalla ricostruzione fatta dai carabinieri sono emersi fatti raccapriccianti. Domenica notte, i tre uomini sono riusciti a fare irruzione nell'abitazione del quartiere X Municipio Mare. La donna, svegliata dal fracasso, è stata subito immobilizzata. Dopo aver recuperato tutti i contanti presenti nell'appartamento, la banda è passata alla violenza. La vittima è stata picchiata a sangue e poi violentata. I tre avrebbero abusato a turno della donna, continuando a minacciarla con una pistola. Poi la fuga.

L'allarme e l'arresto della banda nel giro di poche ore

Dopo la violenza, la 48enne non si è mossa dall'abitazione né ha chiamato i soccorsi. Qualche ora più tardi, al ritorno del suo coinquilino, è scattato l'allarme. Dopo aver udito il terribile racconto, il connazionale ha subito chiamato il 112. Oltre alle forze dell'ordine, sul posto è giunta anche un'ambulanza del 118, che ha trasportato la vittima all'ospedale Grassi di Ostia. È stata dimessa qualche ora dopo con una prognosi di 20 giorni. Mentre la donna veniva medicata, i militari dell'Arma davano la caccia ai banditi. Le indagini si sono risolte in breve tempo: i tre sono stati individuati e fermati dai carabinieri di Ostia. Al momento dell'arresto, sono stati sequestrati gli abiti e l'automobile, che sarebbero stati utilizzati per compiere il delitto. Due 30enni e un 46enne, residenti nella zona dei Castelli Romani, sono stati sottoposti a fermo. L'accusa per loro è di rapina a mano armata, violenza sessuale di gruppo, lesioni personali e porto abusivo di armi.

Si addormenta a una festa in casa di amici e viene violentata: 19enne condannato
Si addormenta a una festa in casa di amici e viene violentata: 19enne condannato
Banda di ragazzini rapina un cellulare, poi aggredisce agente per garantirsi la fuga
Banda di ragazzini rapina un cellulare, poi aggredisce agente per garantirsi la fuga
Si ispirano alla "Casa di Carta" per rapinare le banche: arrestati
Si ispirano alla "Casa di Carta" per rapinare le banche: arrestati
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni