5.149 CONDIVISIONI
Madonna di Trevignano, news su Gisella Cardia

Trevignano, tolta la statua della Madonna dal campo dei rosari ma i raduni continueranno

Via statue e panche dal campo dei rosari a Trevignano Romano. L’immagine della Madonna è stata rimossa, dopo la sentenza del Consiglio di Stato, che ha respinto il ricorso della veggente. Ora il Comune deve vigilare.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Roma Fanpage.it
A cura di Alessia Rabbai
5.149 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Madonna di Trevignano, news su Gisella Cardia

La statua della Madonna ha lasciato il campo dei rosari a Trevignano Romano. E nel paese che sorge sulle rive del Lago di Bracciano alle porte di Roma, la cui storia delle presunte apparizioni mariane ha superato i confini italiani, la sua immagine è custodita in chiesa. La statua della Madonna, di San Michele Arcangelo, le sessantuno panche, i paletti con i cordoni precedentemente posti per il distanziamento sociale durante i mesi dell'emergenza sanitaria e la breccia della strada bianca sono stati tolti da via Campo delle Rose, per rispettare l'ordinanza del Comune di rimozione e ripristino dei luoghi emessa il 18 aprile scorso. Restano nel campo il crocefisso, la capanna e la croce blu.

Gisella ha perso il ricorso al Tar e al Consiglio di Stato

L'associazione Madonna di Trevignano Ets appreso del provvedimento dell'amministrazione comunale di tre mesi fa lo ha impugnato e ha fatto ricorso al Tribunale amministrativo regionale. Tar che lo ha respinto, così Gisella Cardia e suo marito Gianni si sono appellati al Consiglio di Stato, il quale ha emesso la stessa sentenza: tutti i manufatti abusivi presenti nel campo devono sparire. Il perché è da ricondurre al fatto che nonostante si tratti di una proprietà privata acquistata dall'associazione ad un ristoratore del posto, ricade all'interno del Parco di Bracciano e Martignano, è sottoposta a vincolo paesaggistico ad esclusivo uso agricolo e non ci si può costruire nulla. La sentenza del Consiglio di Stato non vieta però i raduni di preghiera, che potranno continuare, per assicurare in quel luogo la "libertà di culto".

I raduni di preghiera potranno continuare

La veggente ha dichiarato in un precedente incontro con i suoi seguaci "non arretrerò di un millimetro, resterò qui, insieme a tutte le persone che ci vogliono bene" dunque l'intenzione è quella di continuare la preghiera sulla collina che, a detta della veggente, le avrebbe indicato la Madonna stessa come luogo dove le sarebbe apparsa mensilmente, per consegnarle messaggi destinati ai fedeli. Statue e panche, ora presumibilmente custodite nelle abitazioni, nei terreni o nei garage dei fedelissimi della veggente potranno essere portate e posizionate ogni tre del mese in concomitanza con gli appuntamenti di preghiera e tolte al termine e così via. Questa settimana il vigili urbani raggiungeranno il terreno per accertare l'ottemperanza dell'ordinanza come hanno fatto per la rimozione della tettoia abusiva.

5.149 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views