È stato ritrovato poco fa, al largo di Lido dei Pini di Anzio, il corpo del 51enne Massimiliano Gori, l'uomo travolto in mare sabato sera dal gommone guidato da un ragazzino di 17 anni. Da due giorni la Guardia Costiera e i sommozzatori dei Vigili del Fuoco cercavano l'uomo, non riuscendo a individuare la salma. Stamattina, il mare ha restituito il corpo senza vita del 51enne. Sin dall'inizio era stato chiaro che Gori non poteva essere sopravvissuto: a quanto si apprende, sarebbe stato colpito dal motore del gommone, riportato ferite mortali molto gravi. Attualmente sono in corso le operazioni di recupero del corpo, dopodiché si procederà col formale riconoscimento della salma e il prosieguo delle indagini.

Trovato il corpo di Massimiliano, tranciato in due da un gommone

La tragedia è avvenuta sabato sera. Massimiliano Gori era arrivato al largo di Lido dei Pini con la sua barca a vela insieme alla nipotina e altri bambini. Una gita che avrebbe dovuto essere un momento felice e che invece si è trasformata in un vero e proprio orrore, con la morte dell'uomo davanti ai piccoli che erano usciti per divertirsi. L'uomo stava facendo il bagno, quando è stato investito da un gommone. A bordo c'era un gruppo di adolescenti, alla guida un ragazzino di Aprilia di 17 anni. Quest'ultimo si è subito fermato a prestare soccorso, in totale stato di shock per quanto accaduto. Per Massimiliano, non c'è stato nulla da fare. Il corpo è stato immediatamente portato via dalle onde, e nonostante le ricerche della Guardia Costiera siano scattate subito, non è stato trovato fino a stamattina. Massimiliano era un uomo molto conosciuto ad Anzio, dove viveva da anni: dal giorno dell'incidente, sono centinaia i messaggi disperati di amici e conoscenti, increduli per quanto accaduto.