Sosteneva di essere un medico, ma non aveva la laurea. Diceva di averla conseguita in Polonia, il suo Paese, ma non era vero. Alle sue clienti prometteva favolosi interventi di lifting alle labbra, ma non aveva i titoli per farlo. Su Facebook pubblicava le fotografie degli interventi riusciti, una sorta di ‘book' fotografico per riuscire a convincere altre potenziali clienti (e ci riusciva, evidentemente). La 40enne, riporta il Corriere della Sera, è stata denunciata dai carabinieri per esercizio abusivo della professione. I militari del Nas hanno anche sequestrato e chiuso la sua attività, un presunto centro di medicina estetica in viale Libia, Roma.

Il blitz dei carabinieri nel presunto centro di medicina estetica

I suoi prezzi, praticamente imbattibili, le avevano consentito di procurarsi moltissime clienti e proprio il viavai di persone che entravano e uscivano dal centro ha fatto insospettire i carabinieri. Quando sono entrati all'interno dello studio, hanno trovato numerose clienti in attesa di entrare per eseguire l'intervento. La presunta dottoressa, alla richiesta di esibire il certificato di laurea, ha provato a inventare una scusa, ma i militari non l'hanno creduta: ha detto di aver conseguito la laurea in Polonia (ma si è rivelato falso) e ha detto di essere stata ospite diverse volte in televisioni. Le clienti, nel frattempo, hanno abbandonato il centro in tutta fretta, dicendosi stupite per quanto stava accadendo. La signora, 40 anni, è stata denunciata, come detto, per esercizio abusivo della professione di medico. I nas hanno sequestrato anche 43 scatole di filler per un valore complessivo di circa 11mila euro.