"Noi apriamo i campi? Ma questa è scema proprio scema, poverina". Sono le parole di Matteo Salvini rivolte a Virginia Raggi. Il leader della Lega, durante una visita al parco archeologico di Centocelle, ha insultato la sindaca di Roma, commentando le sue dichiarazioni rilasciate a RaiNews24. Raggi, intervistata sulla presenza di Salvini a Centocelle ha detto: "Immaginiamo che risposte possa dare. La sua forza (politica ndr) ha aperto i campi rom, uno fu sgomberato senza bonifiche, invece noi facciamo la bonifica". Il leader della Lega non c'è stato e attraverso i microfoni dei giornalisti ha risposto: "Noi faremo bonifica? In quattro anni e mezzo dovrebbe chiedere scusa ai romani, un sindaco che dice ‘faremo le bonifiche', cos'hai fatto fino ad ora? Però, ripeto, la risposta non gliela darà Salvini, ma i romani".

Raggi risponde agli insulti di Salvini

Virginia Raggi ospite del Gr1 Rai, ha risposto agli attacchi del leader della Lega: "Salvini mi avrebbe insultata anche se fossi stata un uomo? Non sono nella sua testa, ma direi di no. Gli uomini si criticano tra di loro sul merito, verso le donne si scivola invece spesso verso l’insulto". E aggiunge: "Siamo in un Paese veteromaschilista e alcuni esponenti dei partiti fanno capire quale concezione abbiano delle donne… poverini". Sulla questione della mancata solidarietà da parte del mondo femminile ha detto: "Molto più di un po’ di solidarietà mi è mancata. Io sono vittima di attacchi e insulti sessisti da prima che mi sedessi in Campidoglio, già dalla campagna elettorale. C’è scarsa solidarietà dal mondo femminile, ed è un peccato: se già noi donne non facciamo scudo sarà difficile cambiare la mentalità degli uomini".

Il silenzio della politica sugli insulti a Raggi anche Cinque Stelle

Insulti quelli di Salvini contro Raggi che hanno trovato di rimando il silenzio del Campidoglio e del Movimento Cinque Stelle, quando invece una tale affermazione avrebbe dovuto scatenare l'indignazione di tutti e la solidarietà unanime. Dopo il commento di Matteo Salvini, tra i pochi, è intervenuto l'assessore al Personale della Capitale Antonio De Santis: “Quando mancano le argomentazioni, tuona l’ignoranza. Salvini insulta e aggredisce verbalmente Virginia Raggi. Compare qui e là per la città, offende qualcuno e poi scompare. Altro che politica, questa è messa in scena di bassa lega" si legge nel tweet che prende le difese della prima cittadina.

Raggi su candidatura: "Vado avanti anche se condannata"

Virginia Raggi, intervistata da Studio24 su RaiNews riguardo a diverse tematiche, dalle prossime elezioni comunali alla criminalità organizzata, fino alle prossime misure in città che entreranno in vigore anche a Roma con il nuovo Dpcm del 3 dicembre in occasione delle festività natalizie, ha spiegato cosa farà con la sua candidatura, nel caso nei suoi confronti arrivi una condanna al processo d'Appello per la nomina di Renato Marra: "Vado avanti, in questo momento la città ha bisogno di una guida sicura e onesta". E commentando il blitz dei carabinieri che ieri ha portato all'arresto di ventoto persone tra i quali quelle vicine a Michele Senese, ha detto: "Con questa amministrazione abbiamo lanciato un messaggio forte e chiaro: no alla criminalità – e ha aggiunto – ricordo che da questo punto di vista, abbiamo lavorato all'abbattimento delle villette dei Casamonica, contro il clan Spada, ora c'è l'arresto di Senese. Insomma il messaggio è forte".