Erano seduti tranquillamente ai tavoli per mangiare la loro pizza al taglio e bere birra, nonostante fossero passate da diversi minuti le 18. Per questo motivo 13 clienti di una pizzeria di Roma sono stati multati di 400 euro l'uno dagli agenti della polizia di Stato, che hanno anche sanzionato per le inosservanze delle normative anti contagio i titolari del locale, una pizzeria in zona Romanina. A scoprire gli irriducibili della pizza al taglio e della birra sono stati gli agenti del locale commissariato Romanina durante un servizio di controllo mirato al contenimento della diffusione del Covid-19. Come riportato in una nota, alle ore 18.30 di ieri, venerdì 26 febbraio i poliziotti hanno accertato che 13 persone stavano consumando, seduti ai tavoli, cibi e bevande nella pertinenza esterna della pizzeria. Oltre alle multe, per i titolari del locale è scattato un provvedimento ulteriore: la loro pizzeria è infatti stata chiusa per 5 giorni.

Scoperta anche una festa in un b&b del centro: multati dieci studenti spagnoli

Quello nella pizzeria in zona Romanina non è stato il solo intervento di ieri sera da parte della polizia. Nel centro della Capitale gli agenti del commissariato Castro Pretorio e del I Distretto Trevi Campo Marzio hanno infatti scoperto una festa privata organizzata all’interno di un bed and breakfast da alcuni studenti spagnoli. Tutto è partito da una segnalazione di schiamazzi e musica ad alto volume giunta al 112. Gli agenti sono intervenuti e, dopo essersi fatti aprire a fatica la porta del bed and breakfast, hanno scoperto all'interno dieci ragazzi in evidente stato di alterazione alcolica, con i segni evidenti della festa: bottiglie di alcol per terra e musica ad alto volume. Tutti gli studenti sono stati multati: già a novembre dello scorso anno erano stati sanzionati per inosservanza delle norme anti Covid 19.