Foto di repertorio
in foto: Foto di repertorio

Un uomo di 76 anni ha sparato un colpo di pistola in testa a suo nipote di 7 anni. È accaduto nel corso della mattinata di oggi, giovedì 13 agosto, in via Sillaro, zona Conca d'Oro a Roma. Il piccolo è ricoverato in gravissime condizioni al Policlinico Umberto I. "Il colpo è partito per sbaglio", avrebbe dichiarato il nonno agli investigatori intervenuti sul posto.

Il nonno: "Colpo partito per sbaglio mentre mettevo a posto la pistola"

Stando a quanto si apprende, in casa del 76enne c'era anche il papà del piccolo, che era in bagno quando ha sentito lo sparo. Si è precipitato nell'altra stanza e ha trovato il figlio a terra, ferito da un colpo di pistola sparato dal nonno. Quest'ultimo ha raccontato che il colpo sarebbe partito per errore mentre metteva a posto la pistola, regolarmente detenuta.

Nelle prossime ore il bimbo sarà sottoposto a un delicato intervento chirurgico

Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118, che hanno portato d'urgenza in ambulanza il piccolo al pronto soccorso dell'Umberto I. Nelle prossime ore sarà sottoposto a un delicato intervento chirurgico. Quando i soccorritori sono arrivati, il piccolo era a terra ma ancora cosciente nonostante la profonda ferita alla testa. Sulla vicenda indagano gli uomini del commissariato di polizia di Fidene. In corso i rilievi da parte degli agenti della polizia scientifica all'interno dell'appartamento dell'anziano. Il nonno del bimbo è sotto shock. La sua versione dei fatti, comunque, dovrà essere accertata. Da chiarire, infatti, il motivo che ha spinto l'anziano a maneggiare una pistola in presenza di un bambino piccolo.