Nell'ultimo anno a Roma i reati sono crollati a causa delle limitazioni imposte dalla pandemia. Secondo i dati diffusi dalla questura di Roma, i delitti sono diminuiti del 23 per cento (sono stati 13mila nel 2020 e nel 2019 erano stati 170mila), i furti sono calati del 32 per cento (sono stati 69mila nel 2020 ed erano stati quasi 102mila del 2019), le rapine sono state il 19 per cento in meno (1.808 nel 2020 e 2.225 nel 2019), i reati legati alle droghe sono calati del 24 per cento (2.647 nel 2020 e 3.475 nel 2019). In totale sono stati sequestrati nel corso dell'anno scorso oltre 600mila grammi di cannabinoidi, 37mila grammi di eroina, 120mila grammi di cocaina e 6.500 grammi di droghe sintetiche. Per quanto riguarda i controlli anti Covid, ne sono stati effettuati oltre 1,2 milioni con una media di 11mila al giorno e in totale sono state sanzionate o denunciate 9.500 persone, 90 persone in media al giorno, 142mila attività commerciali sono state controllate e 488 sono state chiuse.

I dati della questura di Roma

Per quanto riguarda i controlli nelle stazioni, sono stati oltre 137mila, 117mila persone sono state identificate con 14mila veicoli controllati e 45mila pezzi di merce varia sequestrati. Per i servizi della Movida, fa sapere la questura di Roma, sono state controllate 9.210 persone, controllati 2.383 veicoli, 8 sequestrati e 258 sanzioni, sequestrati 2.000 chilogrammi di droga, controllati 300 esercizi pubblici. Per quanto riguarda i servizi antiterrorismo, sono state identificate 32.266 persone, 20.707 veicoli in 6.051 posti di controllo.  Nel 2020, infine, si sono svolte 1.042 manifestazioni a Roma, sono state arrestate 2.970 persone e 13.288 sono state quelle denunciate.